Smart Glass: l’89% delle società di ingegneria pronte a implementali

In Europa l’89% delle società di ingegneria dichiara di essere pronto per l’adozione degli , rendendo questo settore quello più interessato all’applicazione di questi dispositivi. Questo risultato è stato rivelato da una ricerca condotta da dynabook (precedentemente Toshiba), in collaborazione con Walnut Unlimited, tra più di 1.000 manager IT senior di aziende di grandi e medie dimensioni. Allo stesso modo, l’83% di chi opera nella logistica e il 77% di chi lavora in ambito industriale si dichiara pronto a implementare gli smart glass tra i propri dipendenti.

In Europa il 79% degli intervistati conosce i vantaggi e le applicazioni derivanti dall’utilizzo di questa tecnologia.

Il 59% dei dipendenti del settore industriale ha indicato la funzionalità hands-free come un potenziale vantaggio offerto dagli smart glass, rispetto al 42% di chi lavora nell’ambito della logistica. Il miglioramento delle capacità on-site è, invece, considerato un beneficio per il 55% in ambito ingegneristico.

IDC ha previsto che la spesa mondiale per la realtà virtuale e l’aumento delle relative soluzioni raggiungerà 204.000 milioni di dollari nel 2019, con un incremento del 68,8% rispetto al 2018. Questa crescita è determinata principalmente dall’imminente sviluppo della rete 5G insieme ai dispositivi wearable, come evidenziato dal 40% degli intervistati europei. Inoltre, il 37% dei manager IT senior ritiene che i progressi nell’Augmented e Assisted Reality guideranno le soluzioni basate su smart glass per usi professionali in ambito industriale.

 

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi.

 

 

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here