5 app che aiutano a ridurre lo stress

Tool, device e possono aiutare le persone a stare meglio: alla tecnologia, infatti, bisogna riconoscere anche la capacità di contribuire alla prevenzione e al miglioramento della nostra .

Quanto siamo stressati? Troppo. Ogni volta che qualcosa non va, è sempre lui, lo , a essere chiamato in causa. Eccessivo lavoro, cattiva gestione del tempo, mancata preparazione emotiva alla condivisione sociale, scarsa autostima e improduttivo multitasking ledono la nostra capacità di avere controllo, attenzione, calma, tanto che sono sempre più le persone che soffrono di insonnia e attacchi di panico, come conseguenza di uno stile di vita irregolare.

Non è un caso che anche i giganti della Silicon Valley inizino a inventare strumenti per migliorare la qualità della vita o che i più grandi guru del marketing facciano “all in” su tematiche come sostenibilità o time management. Il signor Facebook, Instagram e Whatsapp (Mark Zuckerberg, ndr) ha ideato Sleep Box, una sveglia molto speciale per Priscilla Chan, la sua consorte. Sleep Box è una sveglia che, dalle 6 alle 7, emana una flebile luce – né troppo forte, né troppo debole – senza alcun suono o bella mostra dell’ora.

Questo per aiutare Priscilla a vincere le continue sveglie notturne che la portavano a controllare incessantemente il cellulare, per paura di non svegliarsi al momento giusto per gestire i figli. Con questa particolare sveglia, la signora Zuckerberg sa che, solo quando Sleep Box è illuminata, è il momento di andare dai figli, tutto il resto del tempo può continuare a dormire.

Come Mark, anche altri hanno pensato di creare prodotti tecnologici per alleviare lo stress. Qui una selezione di 5 app pensate per abbassare i livelli di cortisolo, controllare gli sbalzi di umore, lavorare (e vivere) meglio.

7 cups

Ha vinto il premio Stanford Medice X per la l’healthcare system design. Permette di condividere con dei volontari, in modo anonimo, gratuito (si paga il download della app), 24/7, il tuo stato d’animo, offrendo ascolto attivo e supporto emotivo. L’app include 300 esercizi di consapevolezza, un forum e terapie online con professionisti certificati. Il supporto viene offerto via chat in 189 Paesi e 140 lingue.

Moodpath

Con questa app puoi registrare i tuoi sbalzi di umore e condividerli con un terapista. Ci sono diversi esercizi da sperimentare basati sulla CBT (Cognitive Behavioral Therapy); buona la User Experience dell’app ma, per accedere a maggiori funzionalità, è richiesta una premium subscription.

Forest

La F.O.M.O (Fear Of Missing Out) colpisce il 56 % degli utenti, specie in età adolescenziale. Non possiamo fare a meno di restare connessi e controllare incessantemente i social network, per paura di perdere qualcosa di importante che avviene sulla tripla w.

Ma è davvero fondamentale per noi essere sempre connessi? Ecco allora che arriva in nostro soccorso Forest – Stay Focused.

Come funziona? Scegli il tuo albero e premi Plant, poi metti via il cellulare e ti dedichi al tuo lavoro. Attenzione però, se non riuscirai a stare lontano dal tuo smartphone per il tempo impostato, il tuo albero morirà. Se invece rispetterai il tempo, senza distrazioni, potrai vederlo crescere rigoglioso e guadagnare delle monete per acquistare altri semi e arricchire la tua foresta. Seekrtech, la società che ha creato Forest, collabora e dona parte dei ricavati all’associazione Trees for the Future per attività in Senegal, Camerun e Kenya.

Un nudge, una spinta gentile, verso la consapevolezza alla cura dell’ambiente, della tua persona e degli altri, attraverso un meccanismo di gamification.

Insight Timer

Ridurre lo stress e l’ansia attraverso la meditazione autogestita o guidata. Insight Timer aiuta a prendere sonno, propone podcast di esperti internazionali di mindfulness, neuroscienziati, psicologi e insegnanti di meditazione di Stanford, Harvard, Dartmouth e anche dell’Università di Oxford. Con questa app puoi ascoltare musica rilassante di artisti di fama mondiale e partecipare a gruppi di condivisione.

Happify

Resilienza, giochi e metodi per aiutare a sentirsi meno stressati e ansiosi. Nel 2014, il New York Times l’ha definita “la più sofisticata app disponibile per diffondere positività”. Leidner, il suo fondatore, ha spiegato che l’idea di Happify è quella di creare un vero e proprio framework scientifico da applicate alla felicità.

Insomma, non ci resta che sperimentare e, al di là del paradosso, osservare se la tecnologia, a volte causa primaria dello stress anche da iperconnessione, possa aiutarci ad alleviarlo.

Facebook Comments

Previous articleData Literacy Project: un forum per una società più consapevole sui dati
Next articleCome funziona la VPN e perché usarla?
Giada Cipolletta
Stratega del content marketing, appassionata di customer experience e co-fondatrice di Simmat, da oltre 15 anni scrive per la carta e il web. Comunicazione e marketing digitale sono materia degli eventi e dei corsi ai quali partecipa come speaker e docente in giro per l’Italia. Ambasciatrice del karma marketing, il content di valore è il suo credo, l’experience design la sua metodologia e l’ironia lo strumento per rendere usabile e comprensibile a tutti il mondo dei bit. Giada è membro dell’Internet Marketing Association, consigliere di Assintel Umbria e di Terziario Donna Umbria. E' autrice del libro "Customer Experience: fai marketing di valore nell’era dell’esperienza". Conduce il podcast Buzzword: https://www.spreaker.com/show/buzzword

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here