Gap di conoscenze pericolo incombente nei Data Center

Di Patrick Quirk, Vicepresidente e General Manager del reparto IT Systems di Vertiv

Un team specializzato di esperti Vertiv ha recentemente identificato i potenziali trend relativi ai data center per il 2019. Gli elementi emersi dal dibattito fra questi esperti, provenienti da ogni settore dell’azienda e da tutto il mondo, hanno riguardato le tecnologie di alimentazione e di raffreddamento, la rete edge e gli approcci innovativi al monitoraggio e alla gestione. Fra i dati riscontrati in linea con le aspettative degli esperti Vertiv, vi è però un’eccezione di rilievo: il divario di conoscenze a livello di . Si tratta di un tema di cui si è già sentito ampliamente parlare, ma l’aspetto rilevante è che tale divario è ormai reale e concreto, oltre a divenire rapidamente più profondo.

Sempre meno esperti istituzionali

Il problema della scarsità di esperti istituzionali riguarda sia i Paesi sviluppati che quelli in via di sviluppo ma, a seconda delle aree geografiche, assume caratteristiche peculiari differenti. Ad esempio, per quanto riguarda Stati Uniti, Canada ed Europa, la generazione di baby boomer che ha costituito per decenni il nucleo della forza lavoro dei data center sta ormai andando in pensione. La nuova generazione che li sostituisce introduce nuove competenze (alcune più utili, altre meno), ma non possiede le conoscenze istituzionali dei suoi predecessori. I programmi di formazione tradizionali sono obsoleti e non riescono a stare al passo con un’industria orientata verso il cloud e l’edge.

La risposta del settore di fronte a questa criticità si concretizza sostanzialmente in due forme. Da una parte, è necessario rivedere la scelta del personale per i data center, specialmente dal momento che le aspettative aumentano a fronte di risorse umane sempre meno numerose. Negli Stati Uniti e in Europa, il numero limitato di lauree di primo livello dedicate processi operativi e alla tecnologia dei data center e la lentezza con cui si adeguano alle rapide trasformazioni in atto nel settore, si tradurranno in una diffusione dei programmi di formazione interni alle aziende. È probabile che queste ultime individuino nuove possibili assunzioni tra coloro che, pur vantando competenze modeste nel campo dell’IT, presentano una spiccata attitudine all’apprendimento e alla risoluzione dei problemi. Verrà data priorità al pensiero critico e le imprese si affideranno alle proprie capacità per gestire la formazione tecnica.

Un futuro promettente per l’intelligenza artificiale?

Il secondo aspetto riguarda la tecnologia. Sempre più spesso le aziende infatti impiegheranno sistemi intelligenti basati su e intelligenza artificiale per semplificare i processi operativi, salvaguardare le conoscenze istituzionali e consentire un’assistenza e una manutenzione più predittive ed efficienti. In altre parole, l’utilizzo dei sistemi intelligenti basati su e AI ovvierà al problema della mancanza di esperienza pregressa di una risorsa da poco inserita o a possibili carenze legate all’apprendimento di un individuo.

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here