Google è l’azienda più innovativa, poi Amazon e Apple

Per la prima volta in 13 anni c’è un cambiamento in cima alla classifica annuale “The most innovative companies” di Boston Consulting Group. Nel sondaggio globale 2019, il leader “storico”  si posiziona al terzo posto, mentre  e  salgono rispettivamente al primo e al secondo posto. Microsoft e Samsung completano le prime cinque posizioni.

Se il 2018 aveva testimoniato il ritorno delle aziende europee in classifica, il 2019 conferma il trend positivo, registrandone 16 tra le prime 50, con 6 new entry (2 tedesche, 2 olandesi e due inglesi). Adidas è la prima europea al decimo posto, seguita da BASF e Siemens, rispettivamente al dodicesimo e sedicesimo.

Sebbene l’Italia non sia rappresentata nelle top 50, l’ è definita come una priorità dal 95% degli intervistati del nostro paese, percentuale leggermente aumentata rispetto allo scorso anno (91% nel 2018) raggiungendo la più alta media mondiale. Similmente, tra gli intervistati delle aziende italiane nel 2019 crescono anche le aspettative per l’incremento degli investimenti in ambito : 80%, rispetto al 63% del precedente anno. Percentuali probabilmente giustificate dal fatto che gli intervistati italiani nel complesso sono leggermente in ritardo rispetto alla media in termini di impatto e perseguimento dell’ digitale.

Tra i trend regionali, gli intervistati europei danno maggiore importanza all’innovazione. Il 41% la considera la priorità assoluta per le loro organizzazioni contro il 33% degli intervistati dei paesi sviluppati. Il 61% degli indiani e il 43% degli intervistati cinesi ritiene che l’innovazione sia la priorità assoluta.

Tra i paesi oggetto di analisi, il Regno Unito e l’Europa mostrano la massima ambizione. Il 38% del Regno Unito e il 37% degli europei (escluso il Regno Unito) considerano l’innovazione la priorità assoluta. Al contrario, solo il 18% degli intervistati di Australia e Nuova Zelanda assegna all’innovazione il primo posto nella graduatoria. Nella top 50, è la prima volta dal 2010 che il sud America entra in classifica con la brasiliana Vale, l’ultima azienda sudamericana in lista è stata Petrobras nel 2010.

Dall’analisi emerge come l’importanza crescente della tecnologia digitale rimane una forte tendenza per gli innovatori. Ben 6 degli 8 aspetti principali dell’innovazione che secondo gli intervistati avranno un impatto maggiore entro 3-5 anni sono legati al digitale: piattaforme tecnologiche, rapida adozione di nuove tecnologie, design digitale, big data, mobile e Intelligenza Artificiale.

In particolare, l’Intelligenza Artificiale è un fattore trainante: tra gli intervistati, il 90% ha riferito che le loro aziende stanno investendo nell’IA. Più del 30% si aspetta che l’IA sia tra le aree di innovazione con il maggiore impatto sulle loro imprese nei prossimi tre-cinque anni. Quasi il 30% punta attivamente all’IA nei propri programmi di innovazione.

L’aumento dell’uso dell’IA è uno dei fattori che stimolano l’interesse per le piattaforme e gli ecosistemi. I leader dell’IA affermano di avere maggiori probabilità di utilizzare fornitori esterni per i progetti di IA, con il 36% che si affida interamente a fornitori esterni e un altro 48% che utilizza principalmente servizi esterni o un mix o capacità interne ed esterne. Questo approccio può aiutare i leader a scalare rapidamente la curva dell’IA, dato che l’esperienza è ancora insufficiente.

Quindi alcuni ecosistemi sono espansioni di modi tradizionali di organizzare e fare affari. Tendono ad avere un orchestratore al centro, con il quale tutti gli altri partecipanti interagiscono, e stabiliscono gerarchie e strutture. Altri ecosistemi, compresi molti di quelli che sono coinvolti nella fase iniziale di ricerca e sviluppo, tendono ad essere più dinamici. Si basano meno su un orchestratore centrale e più su interazioni sfaccettate tra i partecipanti.

Metodologia: L’elaborazione della classifica è basata su due fattori principali:

  • la survey a senior executive di aziende con fatturato superiore a 10 milioni di dollari, in un’ampia gamma di industrie in tutte le regioni del mondo
  • l’analisi del TSR – Total Shareholder Value (ritorno complessivo per l’azionista, calcolato sommando all’incremento del prezzo del titolo, in un determinato intervallo temporale, l’effetto dei dividendi per azione corrisposti nello stesso periodo)

Nel realizzare la classifica, i fattori vengono pesati come segue:

  • Survey (60%), di cui risposte degli intervistati riguardo ad aziende della loro industria (30%), risposte degli intervistati riguardo ad aziende di altre industrie (30%)
  • TSR (40%)

Alle startup private fondate dopo il 2001, che sono presenti in classifica, viene assegnato un valore TSR standard basato su una media del TSR, su un periodo di tre anni, di aziende che hanno avuto una capitalizzazione di mercato di oltre un miliardo di dollari, che hanno fatto un’IPO tra il 2010 e il 2012 e sono state fondate dopo il 2001.

 

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here