Proteggere i dati vuol dire aumentare la fiducia

Di Edwin Passarella, Technical Services Manager di Commvault in Italia

Ogni rapporto, indipendentemente se personale o lavorativo, deve possedere una solida base costituita principalmente dalla fiducia. Se applichiamo il discorso al mondo dei e della loro tutela, questo sentimento diventa ancora più forte e sentito, ma spesso anche più critico. Ripensando al 2018, sono stati numerosi casi di violazione e compromissione dei personali – Cambridge Analytica, Facebook, la catena alberghiera Marriott Hotels, il rivenditore online di biglietti di concerti Ticketmaster… L’elenco è lungo e i rubati o compromessi tanti: circa 25 milioni al giorno. Di fronte a numeri simili, non stupisce che si abbia timore ad affidare le nostre informazioni personali ad un’azienda. Se l’indirizzo email, il numero di telefono o, ancor peggio, i dati bancari di conto e carta di credito venissero compromessi e all’improvviso ci si trovasse coinvolti in richieste di pagamento di riscatti in denaro o in criptovalute o i nostri dati fossero rivenduti sul mercato nero degli hacker e utilizzati con scopi fraudolenti?

I dati emersi nella XIV edizione del Rapporto Clusit sulla sicurezza ICT evidenziano come sia sempre il cybercrime la principale causa di attacchi gravi: il 79% degli attacchi è stato infatti compiuto allo scopo di estorcere denaro alle vittime o di sottrarre informazioni per ricavarne denaro (+44% rispetto ai dodici mesi precedenti). È fondamentale quindi procedere con la definizione di un piano concreto che garantisca protezione dei dati e fornisca informazioni e condizioni di trattamento dettagliate, ma soprattutto trasparenti, agli utenti.

Una ricerca recente condotta da Oxford Economics, “Il futuro dei dati: adeguarsi ad un’economia opt-in”, ha rivelato che il 79% dei consumatori smetterebbe di avere rapporti con una società che utilizza male i suoi dati e soltanto il 41% ritiene che i cambiamenti che derivano da Big Data e Analytics siano positivi per la società.

Molte aziende hanno affrontato, e stanno ancora affrontando, delle difficoltà nella gestione delle normative – pensiamo sempre al europeo – ma siamo ottimisti che il continuo coinvolgimento dei consumatori possa promuovere una conversazione più ampia sulla dei dati e sulla sua applicazione. Tutto questo si ricollega al concetto di fiducia tra consumatori e imprese, con queste ultime che dovranno impegnarsi per recuperarla e mantenerla attraverso rapporti trasparenti su teoria e pratica dell’utilizzo dei dati dei clienti.

Nel nostro paese la fiducia sembra in crescita. Infatti, in base ai dati raccolti nella 19ª edizione dell’Edelman Trust Barometer, la più importante indagine globale sul tema della fiducia realizzata dall’agenzia Edelman in 27 paesi, tra i quali l’Italia, su un campione di 33.000 persone, si segnalano dati positivi: la fiducia nelle aziende è cresciuta, guadagnando otto punti rispetto all’anno scorso, mentre è diminuita quella nei social media (solo il 36% si fida).

La fiducia poi non è un elemento fine a se stesso, ma si ripercuote su ogni tipo di attività di un’azienda, compresi i suoi indicatori economici. Una recente ricerca di Accenture ha messo in luce come la fiducia dei consumatori in un’azienda influisca in modo diretto anche sui suoi ricavi, e sulla sua redditività generale.

Saper gestire i rischi aziendali connessi al trattamento dei dati personali è un punto chiave per differenziarsi sul mercato e chi procederà nel controllo e aggiornamento costanti di piani di protezione riuscirà sicuramente a restare competitivo e a incrementare le proprie opportunità di business.

La fiducia non si vince, si conquista dimostrandola.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here