La sicurezza dei dispositivi IoT richiede un approccio olistico

Nonostante il generale accordo sul fatto che il futuro dell’IT enterprise sarà basato sul multicloud e sul cloud ibrido – secondo Gartner “entro il 2020 il 75% delle organizzazioni avrà adottato un modello multicloud o cloud ibrido per le proprie esigenze IT[1]– vi sono meno certezze sulla capacità di garantire un’efficace per questi nuovi ambienti. Molti responsabili IT, ad esempio, nella loro infrastruttura cloud-enabled dovranno gestire un gran numero di dispositivi , ma molti potrebbero non disporre di funzioni di appropriate per contrastare il maggiore potenziale di rischio.

Per approfondire cosa le organizzazioni stanno – o non stanno – facendo per prepararsi e rinforzare la propria sicurezza, Juniper Networks ha realizzato in collaborazione con l’Internet of Things Institute un’indagine sulle aziende che stanno implementando progetti IoT. Lo studio ha rivelato che molte applicazioni IoT sono già operative in ambienti multicloud: il 29% degli intervistati sta infatti implementando applicazioni IoT in due o più cloud. Eseguire applicazioni IoT contemporaneamente in ambienti pubblici, privati e on-premise è un passaggio ovvio per questo tipo di tecnologia. Tuttavia, un tale livello di connettività e flessibilità espone le organizzazioni a diverse sfide di sicurezza quali la compliance, la mancanza di integrazione tra i diversi sistemi di protezione, la carenza di personale qualificato.

Di seguito i principali risultati:

  1. La privacy è la principale preoccupazione. Gli intervistati hanno espresso alti livelli di timore per i diversi rischi legati alla sicurezza degli apparati IoT: la privacy (66%), la violazione di dati critici legati alle vulnerabilità dei dispositivi IoT (59%), la proliferazione di malware IoT (58%), i danni dovuti alla compromissione da remoto degli apparati IoT (57%), l’interruzione del servizio (54%).
  1. Tra i problemi principali le advanced threats e la compliance. Secondo gli intervistati i principali problemi per la sicurezza IoT sono le nuove minacce avanzate sempre più difficili da identificare (51%), seguite dalla compliance (39%), dall’impossibilità di integrare i diversi sistemi di sicurezza (37%) e dalla carenza di personale qualificato (36%).
  1. Molti workload IoT si trovano in ambienti multicloud. Le applicazioni IoT vengono eseguite su strutture differenti, principalmente in data center privati o centri di controllo (51%), al network edge (36%) e nel cloud pubblico. Il 29% degli intervistati ha già implementato almeno un workload per applicazioni IoT in due o più cloud.
  1.  Endpoint IoT e l’edge sono le aree prioritarie di investimento per migliorare la sicurezza.  Se parliamo della priorità degli investimenti, l’edge e gli endpoint IoT (IoT gateway / dispositivi di aggregazione) sono ai primi posti, seguiti da vicino da rete e cloud.
  1. La rete è lo scudo. La maggioranza degli intervistati (72%) ritiene che il ruolo della rete sia importante o addirittura fondamentale per la sicurezza IoT. Le aziende che hanno già implementato più progetti IoT mostrano maggiore sensibilità (26%) a considerare l’importanza della rete come fondamentale rispetto a quelle che hanno implementato un solo progetto (9%).
  1. I fornitori di servizi di sicurezza gestita introducono nuove opportunità. Il 42% degli intervistati afferma che la propria organizzazione utilizza attualmente servizi di sicurezza gestita, mentre il 34% si dice intenzionato a farlo nei prossimi 18 mesi. Ciò testimonia l’esistenza di opportunità interessanti per i fornitori di servizi di sicurezza gestita, i quali potranno offrire servizi specifici per gli ambienti IoT per soddisfare la richiesta del mercato.

“La rete è la chiave per la difesa delle risorse critiche dalla maggiore esposizione alle minacce dovuta alla proliferazione dei dispositivi IoT”, commenta Laurence Pitt, Global Security Strategy Director di Juniper Networks. “Quando si accingono a potenziare il livello di sicurezza della propria organizzazione, i responsabili IoT dovrebbero dare la priorità agli investimenti in soluzioni ATP (Advanced Threat Protection) con funzionalità analitiche con cui affrontare la sfida dell’individuazione di minacce sconosciute”.

Un approccio olistico alla sicurezza

Per le organizzazioni che si preparano a passare da progetti IoT pilota a un ambiente di produzione, è importante iniziare a pensare alla sicurezza in modo olistico: ciò significa partire dalla rete. Concentrarsi esclusivamente sulla sicurezza degli endpoint non è certo una soluzione a prova di bomba.

I responsabili IT dovrebbero considerare seriamente come affrontare la complessità del multicloud, specialmente in termini di connettività, sicurezza e di operatività. Poiché sembra che non passi settimana senza che si abbia notizia di nuove violazioni, se i responsabili IT vogliono evitare di entrare in tristi statistiche devono avere una visibilità totale. Gli operatori IoT devono pensare oltre la sicurezza dell’endpoint e garantire l’identificazione delle minacce in tutta la rete per realizzare un’implementazione veramente sicura.

Le soluzioni di sicurezza Juniper trasformano l’intera rete in un sistema di cyberdifesa dotato di funzioni di analisi e di machine learning per la difesa dalle minacce IoT in qualsiasi ambiente. In altre parole, se un’applicazione sulla rete è compromessa, essa può essere rapidamente isolata per interrompere la diffusione dell’infezione.

 

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here