Condividere per dare valore alle persone

Il patrimonio delle conoscenze e delle del personale interno delle aziende, seppur intangibile, è da mettere tra le voci in attivo di un bilancio. Per farlo è però necessaria un’attività di valorizzazione che passi dalla condivisione.

Eni, a partire dal 2004, ha adottato un Knowledge Management System (), basato su un Enterprise Social Network, che raccoglie e diffonde conoscenze, best practice e lessons learned dei dipendenti di tutto il mondo. Un patrimonio collettivo al quale, in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo, ogni tecnico può accedere al fine di confrontarsi e trovare più velocemente la risoluzione a un problema.

Come è strutturato il KMS ?

Il Knowledge Management System ha una struttura a basata su 27 Comunità di Pratica e 36 Unità Geografiche, che raggruppano il personale per ambiti operativi e aree geografiche e consentono alle persone di interagire e dialogare direttamente da smartphone.

Le comunità di pratica sono entrate a far parte della routine lavorativa dei dipendenti: ne è prova la mole di contenuti che quotidianamente raccolgono.

Ogni comunità è costituita da un gruppo di persone che condivide conoscenze e problematiche relative a un tema o a una disciplina specifica. Temi che, nel corso del 2017, sono stati razionalizzati nelle community esistenti, con l’obiettivo di rafforzare i processi di sharing su aree di know-how complementari.

I consigli, le soluzioni problemi e il sapere tecnico vengono raccolti in piattaforma e poi ri-condivisi attraverso webinar formativi e percorsi di consolidamento dei contenuti (Knowledge Nuggets, Innovation Idea e Technology Application).

Quali i vantaggi della condivisione del sapere?

  1. Il taglio dei costi grazie a soluzioni sviluppate internamente.
  2. Il rafforzamento dell’identità aziendale, che vede tutte le persone che lavorano in Eni contribuire al miglioramento dell’azienda.
  3. La valorizzazione delle competenze del personale e il riconoscimento del merito.
  4. Una facile identificazione della persona da contattare a seconda del problema emerso.
  5. L’ottimizzazione delle risorse grazie alla diffusione di soluzioni innovative.

Nell’epoca della trasformazione digitale le aziende si stanno dotando in misura sempre maggiore di strumenti innovativi per la gestione delle conoscenze interne, al fine di valorizzare al meglio le risorse di cui dispongono.

In collaborazione con Eni

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here