Come si paga on line? Chi sono gli acquirenti?

Adyen, la piattaforma internazionale leader in Europa per la gestione dei pagamenti, ha realizzato uno studio che mette a confronto i metodi di pagamento preferiti in 10 diversi paesi In tutto il mondo. La carta di credito in cima alle preferenze degli Italiani per lo shopping digitale.

Dalla Germania al Brasile, passando per Cina e Regno Unito, l’analisi di Adyen evidenzia le differenze e le similitudini relative alle soluzioni scelte per effettuare acquisti on line dagli acquirenti internazionali.

In Europa Il metodo di pagamento più diffuso per l’ è senza dubbio la carta di credito:

questa soluzione è infatti la preferita dall’87% degli Italiani, l’84% dei Francesi e l’82% dei cittadini del Regno Unito. Ogni paese presenta però le sue specificità riguardo alle diverse opzioni e modalità di pagamento. In Olanda ad esempio, il 60% degli acquirenti utilizza iDeal, un sistema di pagamento elettronico gestito tramite on line banking, molto popolare perché ritenuto più sicuro. Gli acquirenti tedeschi invece preferiscono pagare tramite bonifico bancario (40%) addebito diretto (20%) o con pagamento contro fattura (10%). In Italia, quarto mercato in Europa per gli acquisti online dove le carte di credito più utilizzate sono Visa e Mastercard (81% dei ), sono molto diffuse le carte prepagate, grazie alla percezione di una maggiore sicurezza e di costi inferiori.

Tra i metodi di pagamento elettronici alternativi alla carta di credito, PayPal emerge come il più diffuso nel vecchio continente: una soluzione scelta dal 18% degli acquirenti in Germania, il 16% in Francia, il 12% in Italia e il 10% nel Regno Unito.

Anche negli Stati Uniti, il secondo mercato di e-commerce nel mondo dopo la Cina, le carte di credito sono di gran lunga il metodo di pagamento più popolare: ben il 97% degli acquirenti americani utilizza questa soluzione per lo shopping on line, preferendo Visa (59%), Mastercard (23%) e American Express (15%).

In Cina, il più grande mercato di e-commerce e mobile al mondo, gli acquirenti si distinguono invece rispetto a tutto il resto del globo in quanto a metodi di pagamento per lo shopping digitale. Il 70% dei clienti cinesi utilizza infatti il proprio smartphone per far acquisti on line, un dato imbattuto in qualsiasi altro paese a livello internazionale. Tra le applicazioni preferite dai Cinesi per pagare troviamo AliPay (35%) UnionPay e WeChat Pay (entrambe 22%).

Infine, due curiosità per quanto riguarda alcuni tra i paesi più lontani: in Brasile, dove le carte di credito sono molto diffuse (74%), gli acquirenti sono abituati a pagare a rate e scelgono questa opzione sia che si tratti di una macchina o un nuovo paio di scarpe. In Australia invece Il 36% dello shopping online viene effettuato al di fuori dei confini nazionali.

Adyen è l’unico provider al mondo in grado di gestire l’intero processo di pagamento in un’unica piattaforma tecnologica che si connette direttamente ad oltre 250 metodi di pagamento locali ed internazionali – tra i quali Visa, Mastercard, American Express, Sepa Direct Debit, le cinesi WeChat ed Alipay – e accetta più di 150 valute nei quattro continenti.

Tra i clienti di Adyen in Italia, dove la fintech olandese ha aperto una sede a Milano lo scorso Ottobre 2108, figurano marchi di spicco come Alitalia, Brunello Cucinelli, PrimaDonna, Etro, Furla, Benetton, Boggi Milano, Eataly Net, Cortilia, Gilmar Group, Forzieri e Frette.

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here