#EpicFail

Weibo è la censura anti-gay: quando l’#EpicFail è del social network

Mentre in Occidente Facebook corre ai ripari dopo lo scandalo di Cambridge Analytica dando una rinfrescata alle proprie policy sulla privacy dei dati personali degli utenti, i social network cinesi sono alle prese con un problema molto più prosaico: la sonora protesta degli utenti dopo la “mannaia” della censura.

Nei giorni scorsi – il corrispettivo cinese di Twitter – ha annunciato una stretta su determinati tipi di contenuti, mettendoli al bando per “ripulire” il social network da materiale ritenuto inadatto dal management della piattaforma. Oggetto del ban, tutti i contenuti – inclusi anime e manga – che promuovono la violenza, la pornografia e l’omosessualità.

Comprensibilmente, la decisione di Weibo ha immediatamente scatenato un’ondata di polemiche: considerare l’omosessualità come qualcosa di censurabile, da non mostrare e da bandire dalle discussioni sui social network attribuendole la stessa valenza negativa della violenza, va oltre una semplice faccenda di policy, anche in un paese dove i censori hanno la mano pesante.

In modo estremamente rapido, la protesta della comunità LGBT ha coinvolto gli utenti di Weibo, che hanno cominciato a invadere il social network con contenuti gay related, facendo confluire le proprie voci negli hashtag #iamgay and #iamgaynotapervert. I hue hashtag hanno valicato i confini della piattaforma cinese per finire su Twitter, dove #我是同性恋 (#SonoGay) ha dato il via alla discussione anche tra il pubblico occidentale.

weibo censura gay

[Via newsweek.com]

Un tweet in particolare è diventato virale: quello di una donna di Shanghai. «Sono madre di un ragazzo gay – scrive – Io e mio figlio amiamo il nostro paese. Saremo sempre pronti a dire con orgoglio che siamo cinesi… ma oggi… ho scoperto all’improvviso che in questo paese così forte Sina Weibo sta discriminando una minoranza sessuale». Il tweet, riportato da numerose testate online compreso il The Hollywood Reporter, è diventato il manifesto della protesta del web contro il ban di Weibo.

Dopo aver cercato di arginare l’alluvione di messaggi – cancellandoli in modo piuttosto brutale per qualche giorno – Weibo ha però deciso di fare marcia indietro, rimuovendo il ban sui contenuti a tema omosessuale e addirittura ringraziando gli utenti «per la discussione e i suggerimenti».

weibo censura gay

[Via theverge.com]

Sebbene la decisione di Weibo sia tanto ammirevole quanto sorprendente, quello che è accaduto attorno alla piattaforma cinese dimostra una volta di più quanto gli utenti siano parte attiva dei social media, non soltanto per quanto riguarda la produzione di contenuti e la loro fruizione, ma anche nella definizione dei social media stessi. Nonostante quanto stia succedendo in queste settimane dopo lo scandalo di Cambridge Analytica e le discussioni sulla protezione degli utenti e dei loro dati, sembra diventare un po’ più chiaro come gli utenti abbiano molto più “potere” sui social network di quanto si potesse pensare. E di certo hanno tutti gli strumenti per non esserne, in qualche modo, vittime.  Il punto è: quanto ne siamo consapevoli?

Lesson Learned: I social network sono sì aziende nate per fare profitto, ma sono innanzitutto popolati da persone da persone che danno vita innumerevoli community. Prima di prendere qualsiasi decisione in merito alla gestione della tua community, tieni sempre presente che senza le persone che la popolano non ci saresti nemmeno tu.

Valentina Spotti

Valentina Spotti

Nasce nel 1984 e vede per la prima volta una pagina web sul finire degli anni Novanta: ci rimane male perché si immaginava chissà cosa. Poi vennero i blog, YouTube e i social network, e nel 2009 una tesi sulla costruzione della reputazione in Rete la porta alla laurea in Scienze della Comunicazione. Per un certo periodo si è occupata di Media Education in quel di Bruxelles, poi è tornata a Milano ed è diventata web editor.

Facebook Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
Share This