Contante in diminuzione, consumatori preoccupati

Nonostante l’utilizzo del contante sia in costante diminuzione un po’ in tutta Europa, una recente indagine dello studio legale Osborne Clarke rivela che i consumatori sono a oggi più preoccupati rispetto a un anno fa per i rischi legati a possibili frodi o falle di sicurezza nel caso in cui pagamenti mobili dovessero sostituire completamente il contante nei prossimi anni.

In generale, i consumatori negli ultimi anni si sono mostrati sempre più favorevoli a utilizzare strumenti di pagamento alternativi al contante. Una recente indagine di ING, per esempio, ha evidenziato che il 54% dei cittadini europei utilizza contante molto meno di un anno fa, mentre circa un terzo (34%) ha addirittura affermato di essere disposto a rinunciare completamente al contante se gliene fosse data la possibilità.

Paura per le possibili frodi

Secondo quanto emerge dall’indagine di Osborne Clarke, tuttavia, le paure legate alla privacy e alla sicurezza dei dati personali potrebbero rappresentare un ostacolo a un mondo di pagamenti completamente cashless. L’81% di chi ha risposto si è detto preoccupato delle possibili frodi che potrebbero derivare dal ricorso ai pagamenti via mobile (il 12% in più rispetto allo scorso anno) e l’80% ha anche espresso dubbi circa alle possibili falle di sicurezza. In Italia la percentuale è del 79% con una crescita del 20% rispetto allo scorso anno.

Andrea Rizzi, Head of Digital Business di Osborne Clarke Italia, commenta: “Molti utenti hanno apprezzato la convenienza dei pagamenti via mobile spesso però sottovalutandone i possibili rischi. Le ultime notizie di attacchi informatici e furto di dati personali che hanno riguardato anche personaggi molto conosciuti hanno tuttavia fatto crescere le preoccupazioni dei consumatori. Dal momento che stiamo andando verso un mondo in cui l’uso del contante sarà sempre più marginale, è necessario che si mettano in atto procedure di sicurezza in grado di tranquillizzare gli utenti. L’implementazione di un forte processo di autenticazione – come richiesto dalla PSD2 (Payment Service Directive 2) – aiuterà a rendere più complicato per hacker e truffatori in generale l’accesso ai conti collegati a dispositivi elettronici. Il settore deve assicurare di stare facendo tutti i passi necessari per proteggere i dati degli utenti in maniera adeguata e dimostrare che le misure prese funzionino in maniera da far crescere la fiducia degli utenti”

Verifica dell’identità

Uno dei principali obiettivi della PSD2 è proteggere i clienti contro i rischi di possibili frodi. La direttiva prevede che dal settembre 2019 ciascun utente dovrà dimostrare di avere almeno due fra i tre seguenti elementi: il possesso (es. avere una carta di pagamento), il riconoscimento (es. la password o il PIN) e la possibilità di verificare l’identità nel momento in cui si accede al proprio account e si effettua il pagamento (es. riuscire a passare un test biometrico).

Secondo l’indagine di Osborne Clarke la maggior parte dei consumatori europei (60%) apprezza il riconoscimento attraverso l’impronta digitale, e il 57% di questi dichiara di preferirlo al più tradizionale strumento di identificazione attraverso password. Fra gli otto paesi presi in considerazione, l’Italia è fra quelli che sembrano aver stabilito maggior confidenza con questo strumento (62%), e che comunque registra la crescita maggiore.

Il 21% afferma di essere disposto a utilizzare anche il riconoscimento vocale come strumento di identificazione. In questo caso Italia e Spagna con una percentuale del 28% sono i paesi più aperti a questo tipo di tecnologia mentre la Germania pare essere quella meno favorevole (14%)

Rizzi prosegue: “Le tecnologie di identificazione biometrica giocano un ruolo chiave per combattere il rischio di frodi. Se alcuni utenti sono ancora preoccupati dai riconoscimenti facciali e vocali, la gran parte di loro dimostra di aver ormai ampiamente accettato il riconoscimento attraverso l’impronta digitale introdotto ormai da diversi anni dai produttori di smartphone. Man mano che altri strumenti di riconoscimento biometrico diventeranno sempre più diffusi, è probabile che anche la propensione dei consumatori aumenterà di conseguenza”

Troppe informazioni?

Oltre al rischio legato alle possibili frodi, l’indagine rileva che il 76% di chi ha risposto è preoccupato dal dover condividere troppe informazioni personali nel caso in cui i pagamenti via mobile diventassero l’unico sistema accettato nei prossimi anni – il 25% in più rispetto allo scorso anno. In Italia questa percentuale è del 74% (+32%).

Aggiunge Gianluigi MarinoHead of Data Protection di Osborne Clarke Italia “L’imminente applicabilità del General Data Protection Regulation () sicuramente aiuterà ad innalzare la consapevolezza degli operatori e degli utenti circa gli aspetti di protezione dei dati personali e ad aumentare la trasparenza con cui questi vengono trattati. Le società hanno la responsabilità di far comprendere nel dettaglio ai consumatori il modo in cui i loro dati saranno trattati. I metodi di pagamento sono in continua evoluzione e quindi sia gli operatori del mercato dei pagamenti sia gli esercenti devono essere in grado di anticipare le preoccupazioni dei loro clienti e essere pronti a rispondere a tutte le domande possibili anche preparando una lista di FAQ (Frequently Asked Questions). Di sicuro la conformità al non si improvvisa”.

 

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi. 

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here