L’HR Tech in Italia vale 500 milioni di euro

La stima è di 500 milioni di euro. Ma il valore complessivo del fatturato prodotto dal settore italiano dell’ Tech potrebbe essere ancora più alto. E’ il dato più rilevante che emerge dal 1° Osservatorio del settore presentato oggi e promosso da In-recruiting, leader italiano nel mercato dei software per la gestione della selezione del personale.

La mappatura ha portato alla luce dati e informazioni particolarmente interessanti. In particolare, ha evidenziato che il 55% delle aziende è basata tra Milano e Torino, tra le quali si estende quella che può definirsi efficacemente come la HR Tech Valley italiana.

Inoltre, va segnalato che il 60% circa delle aziende è nato dopo il 2011, mentre addirittura il 18% riporta, come anno di costituzione il 2017: percentuali che confermano l’interesse a innovare in questo settore e che anticipa una stagione, appena apertasi, durante la quale numerose nuove soluzioni sono destinate ad arrivare sul mercato.

“Abbiamo provato a tracciare il perimetro di un pianeta che in Italia conosciamo ancora poco”, spiega Matteo Cocciardo, founder e Ceo di In-recruiting, che ha guidato il gruppo di lavoro che ha lavorato all’Osservatorio. “Eppure, gli ultimi numeri a disposizione, parlano di oltre 2,4 miliardi di dollari investiti a livello mondiale nelle tecnologie per la trasformazione tecnologica del settore”.

In Italia, quello degli investimenti raccolti dalle startup dell’HR Tech resta una nota dolente: non più del 25%, infatti, ha dichiarato di aver ricevuto risorse da fondi di venture capital, e nel 60% dei casi l’iniezione di capitali non ha comunque superato i 500.000 €.

“Siamo convinti che l’HR Tech debba far sentire di più e meglio la sua voce – prosegue Cocciardo -. In questa prospettiva, con altre realtà del settore, stiamo lavorando per costituire un’associazione che riunisca tutti i player con l’obiettivo di fare rete, attirare investimenti e attenzione mediatica e promuovere momenti di incontro e crescita comuni”.

Qui in dettaglio le ragioni e gli obiettivi del progetto.

 

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi.

 

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here