#EpicWin: da Gianni Morandi grande lezione sulla gestione dell’immagine sui social

Come reagireste se qualcuno vi scattasse una foto in un momento molto intimo – tipo mentre state facendo pipì – e la pubblicasse su ? E quanto complicherebbe le cose se foste un personaggio famoso molto, molto famoso e noto ad almeno tre generazioni?

Non scervelliamoci troppo: è quello che è successo a che, domenica pomeriggio, ha pubblicato sulla sua seguitissima pagina Facebook questo post:

Le cose sono andate così: lo scatto in Autogrill risale a qualche giorno fa, ed è stato pubblicato – verosimilmente dall’autrice stessa della foto – su un gruppo Facebook chiuso dedicato al cantante. La foto comincia a circolare, e i primi articoli hanno data 8 marzo, con tanto di screenshot del post originale pubblicato sul gruppo in questione:

gianni morandi autogrill foto
http://www.bitchyf.it/

 

Ma nonostante la faccenda sia potenzialmente molto “succosa”, la foto non esplode. Arriviamo così a domenica 11, quando è lo stesso Gianni Morandi a raccontare la propria versione della storia, con tanto di placida chiosa sul non prendersela troppo per queste cose:

gianni morandi autogrill foto
facebook.com/giannimorandiofficial

Puro Gianni Morandi Style. E il web esplode nell’ennesima ovazione a suo favore.

Nemmeno tanto sotto sotto Gianni Morandi – o chi per lui, visto che i dubbi su chi gestisca realmente i suoi profili social non sono mai stati del tutto chiariti – ci ha dato una gran bella lezione su come gestire la propria immagine e reputazione sul web, oltre che un’ottima dimostrazione tattica su come evitare una crisi d’immagine.

Ecco perché:

  1. ha ripubblicato il contenuto “scomodo” sulla sua pagina Facebook. Talvolta l’unico modo per uscire da una situazione imbarazzante… è buttarcisi dentro. Morandi non ha chiesto pubblicamente la rimozione della foto che lo vedeva protagonista, né si è trincerato dietro quello che sarebbe stato comunque un più che dignitoso silenzio (vista la situazione). Invece ha preso quell’immagine imbarazzante e l’ha pubblicata sulle sue pagine social, senza nasconderla, ma raccontando però la sua versione della storia.
  2. Ha fatto diventare la foto *veramente* virale, rendendola inoffensiva. Volevate vedere una foto di Gianni Morandi mentre sta (quasi) facendo pipì? Non dannatevi a cercarla per mari e monti, potete ammirarla sulla sua pagina Facebook. Ma nel frattempo è lui stesso a dirvi come sono andate le cose e a spiegarvi perché sul web circola una sua foto, in un bagno pubblico, con un’espressione eloquente dipinta sul volto. E poiché la pagina ufficiale di Gianni Morandi ha una potenza di fuoco indubbiamente maggiore rispetto al gruppo dove l’immagine è stata inizialmente pubblicata, la foto è diventata “veramente” virale. Ma allo stesso tempo, proprio perché la faccenda viene raccontata da Morandi stesso, il potenziale negativo della foto viene neutralizzato all’istante, perdendo qualsiasi potere di “nuocere” al protagonista, oggi come in futuro. Se Gianni Morandi non l’avesse ripubblicata, quella foto sarebbe rimasta nel sottobosco del web, diventando probabilmente materiale per strane teorie sul cantante di Monghidoro o fake news belle e buone. Poche cose fanno gola come una foto “strana” di un personaggio famoso, specialmente quando circola sull’Internet totalmente de-contestualizzata. A contestualizzarla, invece, ci ha pensato lui stesso con un post dalla reach stellare, ripreso nel giro di poche ore da moltissime testate nazionali. In questo modo, Morandi ha fatto prevalere la “sua” storia, e non quella di una fan con un vago gusto del sordido che si è comportata in modo decisamente creepy. Certo, già domani quell’immagine diventerà protagonista di parodie e satira assortita, ma di certo tutti saranno in grado di ricollegare la foto alla storia “giusta”.
  3. Ha mantenuto un mood positivo. Lo sanno tutti: Gianni Morandi è famoso per il garbo che permea ogni suo post sui social. E anche se in questo caso avrebbe avuto tutte le ragioni del mondo per incavolarsi – provate voi a essere paparazzati mentre siete in un bagno pubblico e vedere la foto pubblicata su Facebook da una perfetta sconosciuta – ha comunque minimizzato l’accaduto sostenendo che ci sono cose ben più gravi di cui preoccuparsi. In realtà la “tattica” di Morandi è applicabile anche in altri contesti e con altri protagonisti: il tone of voice è un aspetto fondamentale nella gestione delle crisi comunicative o d’immagine di qualsiasi brand o personaggio pubblico che sia. Non si tratta di “minimizzare” o di “riderci sopra”, ma di evitare di appesantire una situazione già di per sé spiacevole con un modo di comunicare dai toni drammatici. Il primo passo per uscire da una crisi comunicativa è trasmettere fiducia al proprio pubblico: cosa che difficilmente si riesce a fare scrivendo un post che trasmette ansia, rabbia o incertezza e che potrebbe alimentare ulteriori polemiche da parte di chi legge. Essere positivi e dimostrare di essere padroni della situazione  deve essere sempre la parola d’ordine, anche nei momenti più critici.

Lesson Learned: Ci sono molti modi per rendere inoffensiva una potenziale minaccia alla tua immagine sul web: uno di questi è dirlo a tutti prima che siano gli altri a farlo per te. Ignorare la minaccia o nascondere la polvere sotto al tappeto – anche nel caso in cui la crisi è originata da fattori esterni e incontrollabili – non farà altro che generare confusione e innescare una bomba pronta a esplodere quando meno te l’aspetti.

 

Immagine di copertina NoemikatKetty Antonacci Wikipedia, CC-BY-SA 3.0

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here