Cloud: attenzione alla sicurezza

Il rapido passaggio ai servizi basati sul e la mancanza di strategie di ben definite rendono difficile alle organizzazioni mantenere il controllo dei propri dati su un ampio numero di servizi e applicazioni. Secondo una nuova ricerca di Kaspersky Lab, il 35% delle aziende ammette di non sapere dove determinate informazioni aziendali vengano archiviate, se sui server dell’azienda o su quelli dei propri fornitori di servizi cloud. Questa incertezza rende più difficile proteggere i dati e garantire la loro trasparenza, mettendone a rischio l’integrità e aprendo la strada a potenziali rischi per la sicurezza con implicazione anche di tipo economico.

I servizi cloud consentono alle aziende di sfruttare le principali tecnologie a supporto delle operazioni quotidiane e i piani di crescita, senza preoccuparsi della manutenzione o dei costi elevati. Tenendo conto di ciò non sorprende che il 78% delle aziende stia già utilizzando almeno una piattaforma basata su un modello Software-as-a-Service (SaaS). Lo stesso numero di aziende (75%) prevede in futuro di spostare più applicazioni nel cloud. Per quanto riguarda l’Infrastructure-as-a-Service (IaaS), quasi la metà delle grandi aziende (49%) e delle PMI (45%) intende delegare la gestione dell’infrastruttura e dei processi IT a terze parti.

Tuttavia, la velocità di adozione e la riduzione dei costi operativi hanno portato molte organizzazioni a tralasciare la sicurezza: molti, infatti, utilizzano i servizi cloud senza alcuna strategia di . L’incertezza su chi sia responsabile della sicurezza dei dati nel cloud può spesso essere la causa di questo problema. La ricerca di Kaspersky Lab ha rilevato che 7 aziende su 10 (70%) che si affidano a provider SaaS e di servizi cloud non hanno un piano per gestire gli incidenti di sicurezza che potrebbero interessare i propri partner. Un’azienda su quattro ammette di non aver nemmeno controllato le credenziali di conformità del proprio service provider, dando per scontato che le conseguenze di eventuali incidenti siano a carico del provider stesso.

Dall’indagine è emerso che il 42% delle aziende non si sente adeguatamente protetta dagli incidenti che potrebbero interessare il proprio fornitore di servizi cloud e il 24% ha subito, negli ultimi 12 mesi, un incidente di sicurezza che ha colpito l’infrastruttura IT di terze parti. Tenuto conto di ciò è evidente che affidarsi solamente ai provider cloud per una protezione completa potrebbe essere rischioso.

Questa mancanza di pianificazione e responsabilità da parte di chi si affida al cloud per la sicurezza delle proprie informazioni potrebbe avere gravi conseguenze per le aziende: le grandi imprese subiscono in media un danno finanziario di 1,2 milioni di dollari in seguito a un incidente di sicurezza legato al cloud, rispetto ai 100.000 dollari per le PMI.  Le tre tipologie di dati maggiormente colpite riguardano: informazioni sui clienti altamente sensibili (rilevate dal 49% delle PMI e dal 40% delle grandi aziende); informazioni di base sui dipendenti (25% per le PMI, 36% per le grandi imprese), e-mail e comunicazioni interne (31% per le PMI, 35% per le grandi imprese).

Le aziende devono trovare un modo per tenere sotto controllo i servizi cloud. Ogni dato deve essere protetto ovunque si trovi e in qualsiasi momento. Per fare ciò, le aziende devono individuare le anomalie all’interno delle proprie infrastrutture cloud e questo si può ottenere solo attraverso una combinazione di tecniche come il machine learning e l’analisi comportamentale. Questa capacità di identificare e bloccare minacce sconosciute è assolutamente fondamentale per la sicurezza dell’infrastruttura cloud. Oltre a ciò, garantire la visibilità dell’ecosistema cloud e del relativo livello di sicurezza informatica offre alle aziende una visione chiara su dove risiedano i dati e se il loro attuale stato di protezione soddisfi le policy di sicurezza aziendale. Solo in questo modo le aziende saranno in grado di tenere sotto controllo il cloud, indipendentemente dalla quantità e dalla posizione dei dati.

“Kaspersky Lab vanta una comprovata esperienza nella protezione delle infrastrutture cloud. All’interno del nostro portfolio di cyber sicurezza sono già presenti delle soluzioni per proteggere il cloud che supportano i nostri clienti attuali nella transizione dai datacenter on premise al cloud privato, pubblico e alle infrastrutture ibride con più soluzioni e applicazioni, tutte gestite a livello centralizzato”, ha dichiarato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab. “L’andamento rapido con cui viaggia la trasformazione digitale sta portando maggiore efficienza e flessibilità alle operazioni aziendali ma presenta anche nuove sfide alla sicurezza che mettono in pericolo le aziende. Per risolvere queste carenze di sicurezza del cloud, continueremo ad espandere la nostra offerta, portando la protezione dell’infrastruttura cloud a un livello completamente nuovo. I nostri clienti beneficeranno di una sicurezza agile per le loro infrastrutture cloud di qualsiasi dimensione. Ciò include la protezione dei carichi di lavoro basati su Amazon Web Services e Microsoft Azure, nonché le applicazioni cloud di Microsoft Office 365, garantendo al tempo stesso sicurezza e visibilità su tutto il cloud ibrido.”

Per avere maggiori informazioni sui trend della sicurezza cloud, è possibile leggere il report.

 

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi. 

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here