Digital Trends

Arriva LibreOffice 5.0: nuova pelle per la suite libera

E’ stata annunciata nelle scorse ore dalla Document Foundation, , decima “major release” dal lancio del progetto e la prima della terza fase del ciclo di sviluppo. Molte le novità della suite per ufficio che è stata installata da più di 80 milioni di utenti comprese grandi organizzazioni in Europa e Sud America. Il nuovo rilascio testimonia il grande fermento che sta vivendo la comunità del , con iniziative e prodotti che nulla hanno da invidiare, per qualità e ampiezza dell’offerta, alle soluzioni proprietarie più note.

Nel 2010, abbiamo ereditato un codice sorgente piuttosto datato, che doveva essere svecchiato, ripulito, alleggerito e reso più ‘smart’ prima di poter mettere mano alla suite per ufficio che faceva parte della nostra visione di lungo periodo” ha commentato Michael Meeks, uno tra i leader dello sviluppo di LibreOffice. “Dal 2010, abbiamo attraversato tre diversi cicli di sviluppo: la famiglia 3.x, per ripulire il codice dai reperti del passato; la famiglia 4.x, per alleggerire e ammodernare il codice; e la famiglia 5.x, la più smart, anche in termini di interfaccia utente”.

Molte le novità introdotte da LibreOffice 5.0: da un’interfaccia utente migliore, alla interoperabilità avanzata con le suite per ufficio come Microsoft Office e Apple iWork, grazie ai nuovi filtri migliori nella gestione dei formati non standard. LibreOffice 5.0 è alla base delle versioni mobili per Android e Ubuntu Touch, e della versione per il cloud in fase di sviluppo ed è stato migliorato anche a livello di “motore”, grazie al contributo di centinaia di volontari.

Un impegno collettivo, quello che ha portato al lancio della nuova release, che ribadisce da una parte l’impegno dell’organizzazione no-profit a favore dello sviluppo del software open source per la suite LibreOffice. Ma rappresenta, anche, il “successo” di un modo diverso di intendere il software e il concetto di collaborazione in un mondo che, della collaborazione e della costruzione condivisa di strumenti e conoscenza, anche grazie alla rete, sta facendo sempre più una regola e sempre meno un’eccezione.

Il lancio di LibreOffice 5 è arrivato nello stesso giorno in cui LibreItalia, associazione di volontariato nata per promuovere l’adozione di LibreOffice come strumento libero di produttività individuale e aziendale, ha festeggiato un anno di vita e di successi. Occasione, questa, festeggiata con l’apertura di un nuovo canale di approfondimento dedicato proprio al software libero sulle pagine di TechEconomy.

Ulteriori informazioni sulle funzionalità più significative della nuova release sono disponibili qui.

 

Facebook Comments

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: Arriva LibreOffice 5.0 | Il blog di Antonio Spoto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
Share This