Microsoft getta la spugna sui cellulari: l’acquisto di Nokia è stato un flop

porta a casa l’ennesimo fallimento che si somma molti errori commessi dall’azienda negli ultimi anni su modelli di business e valutazioni quantomeno bislacche.

Contrarian_Microsoft_interna

Nei giorni scorsi ha confermato il taglio di 7.800 posti di che si sommano ai 18.000 del 2014 – la maggior parte dei quali nel settore della telefonia mobile – sono il risultato della fallimentare acquisizione delle attività dei cellulari di Nokia. L’operazione, che avrebbe dovuto rendere Microsoft protagonista sul mercato degli smartphone non ha funzionato: come era prevedibile immaginare all’azienda di Redmond non è riuscito il troppo ambizioso obiettivo di rilanciare le decotte attività dell’ex numero uno dei cellulari mondiali in un mercato dominato da iOs e Android e nel quale i cellulari con sistema operativo Windows hanno continuato a perdere quote di un mercato.
L’operazione annunciata dal Ceo Satya Nadella, di fatto, costringerà Microsoft a iscrivere a bilancio una svalutazione di 7,6 miliardi di dollari sugli asset legati all’acquisizione di Nokia costata 7,2 miliardi di dollari.

Non serve commentare oltre numeri di questo tipo che testimoniano un’operazione del tutto fallimentare.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here