Ecco uno dei motivi per i quali non cresciamo

Nei giorni scorsi sono stato a Bruxelles per un incontro sul tema degli skill digitali (si usa l’espressione eSkills). Tra le tante cose interessanti che ho sentito e visto, alcuni colleghi mi hanno presentato i risultati preliminari di uno studio fatto a livello europeo sulla composizione e dimensione della forza nel settore dell’. I risultati sono ancora provvisori. Dovrebbero consolidarli a breve e conto di scrivere un commento dettagliato non appena saranno disponibili. Ma ci sono alcuni trend che sono più che evidenti e assolutamente indiscutibili.

In primo luogo, se si considera la percentuale della forza lavoro in professioni legate all’ICT rispetto al totale di un paese, emerge chiaramente il seguente quadro: ci sono paesi con una percentuale nettamente superiore alla media europea come Svezia, Finlandia, Olanda e, un filo più distaccate, Germania e poi Francia. Ci sono paesi che sono sotto la media europea e tra questi, neanche a dirlo, c’è l’.

Ma un secondo aspetto ancora più interessante è legato alla qualità di questa forza lavoro che opera nell’ICT. Nei paesi della prima fascia, prevalgono competenze ICT di alto profilo ai livelli manageriali e direttivi. In paesi come l’Italia, prevalgono competenze più operative e meno legate alle figure manageriali e di leadership.

E secondo voi – sarà ovviamente un caso! – quali sono i paesi che crescono di più e che hanno meno disoccupazione? E quali sono invece quelli che fanno più fatica?

Mi fermo qui in attesa di vedere i dati di dettaglio.

So che la mia è una provocazione.

Ebbene sì, voglio provocare.

Facebook Comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here