General Motors: dal 2015 il 4G a bordo delle sue autovetture

L’annuncio era stato fatto un anno fa nell’edizione 2013 del Mobile Word Congress di Barcellona, per poi essere ufficializzato qualche mese fa: il sbarcherà sulle autovetture GM. La Chevrolet Malibu prevista per il 2015 sarà il primo modello di una flotta di oltre 30 autoveicoli a marchio GM che vedrà una connessione 4G gestita da AT & T. I clienti otteranno tre mesi o 3 gigabyte di dati come parte di una prova gratuita ed eventualmente scegliere la soluzione più confacente alle specifiche esigenze.

Al termine della prova gratuita, un cliente deve premere il pulsante blu OnStar e parlare con un rappresentante a firmare per ulteriori dati. GM sta lavorando a un modo per iscriversi attraverso Web o su smartphone ma probabilmente non sarà pronto quest’anno.  Il piano parte da 10 dollari per 200 MB di dati al mese e arriva a 20 dollari per 1 GB, 30 per 3 GB e 50 dollari per 5GB. Gli abbonati a OnStar possono ottenere uno sconto di 5 dollari per i piani da 200MB o da 1GB. I clienti possono anche fare acquisti puntuali, limitati nel tempo:  un piano da 250 MB per un giorno avrà un costo di 5 dollari mentre un piano di 12 mesi per 10GB costerà 200 dollari.  I clienti di AT & T, nel frattempo , saranno in grado di aggiungere una macchina collegata al loro piano di azione cellulare per un ulteriore 10 euro al mese.

I piani dati sui veicoli rappresentano un nuovo business potenzialmente redditizio per GM e in generale per il comparto automotive. La casa automobilistica spera che le connected car  genereranno ricavi per servizi supplementari, aumentando le vendite di autoveicoli di base “tradizionali” e anche il monitoraggio del sistema OnStar, app per il controllo e monitoraggio in remoto delle macchine, e relativo servizio di assistenza. La connessione LTE potrebbe potenzialmente dare vantaggio competitivo alla GM rispetto concorrenti e aumentare la fidelizzazione dei clienti.

Il nostro obiettivo è quello di permettere di portare la vita digitale direttamente nell’autoveicolo e, allo stesso tempo, portare le automobili nella vita digitale” spiega  Terry Inch, Chief Operating Officer per l’unità di OnStar di GM. Con una connessione LTE le vetture possono agire come un hotspot Wi -Fi in grado di collegare fino a sette dispositivi.

 

Facebook Comments

1 COMMENT

  1. […] General Motors entro due anni lancerà sul mercato la sua prima auto intelligente, in grado di comunicare con gli altri veicoli per evitare gli incidenti stradali e di  ridurre la congestione del traffico. Secondo la Chief Executive dell’azienda Mary Barra, nello stesso lasso di tempo, sarà introdotta anche una tecnologia più avanzata che permette la guida automatica in particolari condizioni. ”Sono convinta che i clienti potranno accogliere con entusiasmo le connessioni da veicolo a veicolo e l’automatizzazione delle tecnologie di guida per un semplice motivo: sono la risposta ai problemi quotidiani che la gente vuole risolvere“, ha detto la Barra in occasione di un discorso pubblico. A livello mondiale sia le compagnie automobilistiche sia le agenzie governative stanno lavorando per sviluppare telecamere, sensori, radar e altre tecnologie che consentano a veicoli e infrastrutture, come semafori, di migliorare le condizioni di guida e di ridurre il numero degli incidenti. […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here