Bitcoin: arrivano in Usa, a Seattle ed Austin, i primi bancomat

Dopo l’esordio a Vancouver, in Canada, e a Helsinki, in Finlandia, i primi sportelli di arrivano anche negli Stati Uniti. Li inaugurerà a fine mese a Seattle ed a Austin la società del Nevada Robocoin che punta ad espandersi anche in Asia e in Europa. Lo sportello bancomat, simile a quelli tradizionali, consentirà di scambiare il proprio denaro per comprare o vendere , la criptomoneta del web. Gli sportelli che saranno installati nelle due città americane avranno degli scanner speciali per leggere i documenti di identità degli utilizzatori, come la patente o il passaporto. Consentiranno di depositare contanti per comprare e viceversa, trasferendo fondi da o per un portafogli virtuale collegato al proprio smartphone. Oltre a quelli di Seattle e Austin ne aprirà anche un altro in Canada a Calgary, Alberta. Tra i piani di sviluppo ci sono anche Asia ed Europa.

Nel Vecchio Continente un bancomat di Bitcoin c’è già. Realizzato da Bittiraha, è stato installato nella stazione centrale di Helsinki su iniziativa di un negozio di dischi che accetta la moneta virtuale.

Facebook Comments

1 COMMENT

  1. […] Il panorama normativo americano e mondiale intorno ai Bitcoin è ancora in via di sviluppo ed è per questo che molti rivenditori online sono stati fino ad ora meno inclini ad adottarli. Ma i casi di “successo” oltreoceano iniziano ad esserci: è il caso di Overstock.com, che ha iniziato ad accettare Bitcoin nel mese di gennaio, e si aspetta di arrivare a 1 milione di vendite in critpovaluta al mese entro la fine di quest’anno e anche di Expedia che ha rcentemente annunciato di accettare anche tale “moneta” per prenotare gli hotel. In Italia il fenomeno Bitcoin inizia a farsi strada: pur tra diversi dubbi legati alla sicurezza, anche nel Belpaese è sbarcato il primo bancomat di Bitcoin dopo i casi più noti in Silicon Valley e in altre città americane.  […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here