Legal & Digital Rights

Sicurezza: nasce Commissione Mondiale sulla Governance di Internet

Il futuro del web dopo il terremoto Datagate è al centro del lavoro di una commissione indipendente, la Global Commission on Internet Governance, creata con lo scopo preciso di studiare e indagare lo stato della rete e cosa ne sarà, dopo quanto emerso dalle rivelazioni di Edward Snowden sulle attività dell’agenzia americana Nsa e di quella britannica Gchq, in particolare in ambito di censura e sorveglianza.

Il progetto è stato presentato a Davos, dove è in corso il World Economic Forum. Elaborato dal think-tank britannico Chatham House insieme con il Centre for International and Innovation (Cigi), che è in parte finanziato dal governo canadese, durerà due anni. La commissione sarà composta da 25 tra politici, accademici ed ex agenti dei servizi di diversi paesi e sarà guidata dal ministro degli Esteri svedese Carl Bildt, secondo quanto riferisce il Guardian.

“In molti paesi è data un’attenzione sempre crescente al tema della libertà della rete, alla alla governance della net security. Tutti temi collegati. La rapida evoluzione della rete è stata possibile anche grazie a modelli flessibili e aperti da cui è nata e da cui è stata regolata. Ma con la sua crescita il modello è sotto attacco” spiega Bildt “La libertà della rete è fondamentale tanto quanto lo sono, nelle nostre società, la libertà di parola e di informazione”. 

La Commissione mondiale sulla governance di incoraggerà a livello mondiale discussioni  pubbliche e dibattiti sul futuro della governance di attraverso una piattaforma di consultazione pubblica e attraverso altri canali istituzionali, mediatici e accademici . E promuoverà una visione strategica per il futuro della governance di tale da rappresentare un punto di riferimento per gli stati che lottano per una libera e aperta. Il lavoro della commissione si concentrerà su quattro temi chiave:  migliorare la legittimità della governance, stimolare l’innovazione, garantire i diritti umani online ed evitare i rischi sistemici.

Quello della governance di Internet è destinato ad essere uno dei temi più pressanti del nostro tempo in materia di global policy”, ha spiegato il direttore di Chatham House, Robin Niblett.

Facebook Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
Share This