Groupon: Antitrust apre istruttoria per pratiche commerciali scorrette

L’ italiana ha aperto una istruttoria su , il sito internet diventato leader mondiale nella vendita di servizi a prezzi scontati attraverso il sistema dei , su segnalazione delle associazioni dei consumatori, per verificare “la diffusione di informazioni commerciali ingannevoli e l’incapacità del servizio di assistenza-clienti”.

Lanciato negli Stati Uniti nel 2008 come nuovo canale di marketing e sbarcato in Italia nel 2010, Groupon ha rivoluzionato le dinamiche di vendita e il successo ottenuto ha spinto il gruppo a quotarsi in Borsa nel 2011. Ora però l’Antitrust ha deciso di avviare una istruttoria – si spiega in una nota dell’Autorità – alla luce delle denunce ricevute da Altroconsumo, Cittadinanzattiva, Adiconsum-Veneto, Sportello Europeo Consumatori-Trento, Associazione Consumatori Utenti-ACU Piemonte, Nero su Bianco e da oltre 600 singoli cittadini. Secondo gli uffici dell’Antitrust, alcune società del gruppo internazionale Groupon potrebbero avere posto in essere pratiche commerciali scorrette a danno dei consumatori.

In particolare dovranno essere verificati due comportamenti: la diffusione, attraverso il sito internet www.groupon.it, nella fase precedente all’acquisto dei coupon, di informazioni commerciali ingannevoli, omissive e in grado di creare confusione nel consumatore, in relazione prezzi e alle caratteristiche delle offerte pubblicizzate; nonché l’incapacità del servizio di assistenza-clienti a far fronte reclami dei consumatori nelle diverse ipotesi di non utilizzabilità dei coupon acquistati, ostacolando così l’effettivo esercizio dei diritti contrattuali. Potrebbero rientrare in tale pratica il rimborso effettuato attraverso i buoni anziché con la restituzione dei soldi, il mancato o parziale rimborso dei coupon non utilizzati per cause addebitabili alle società del gruppo Groupon o loro partner (es. nei casi di overbooking), i comportamenti dilatori del call center nel rispondere o nel dare seguito alle richieste di rimborso e di recesso. La risposta dell’azienda non si è fatta attendere. Groupon ha infatti assicurato il proprio impegno “per fornire un servizio capace di soddisfare gli interessi della clientela”, sottolineando che il modello di business e le procedure organizzative “evolvono costantemente per garantire ai consumatori la migliore esperienza d’acquisto ed alti standard qualitativi”.
L’azienda, insomma, sta “collaborando attivamente con l’Antitrust per far sì che i diritti dei consumatori siano pienamente rispettati”. 

Facebook Comments

3 COMMENTS

  1. I’ve started several books recently and I’ve somewhat enjoyed them, but the timing just isn’t right so I don’t rush to get back to them. They are still sitting there, but I should just be honest and admit that I’m not going to read them right now.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here