WhatsApp: abbonamento annuale anche su iOS

, la popolare applicazione di messaggistica istantanea che preferisce gli abbonamenti alla pubblicità, si prepara a portare la sua app per in linea con le altre piattaforme, ovvero trasformandola in un servizio di annuale.

Secondo quanto riportato da TechCrunch, Jan Koum, CEO di WhatsApp, afferma che l’azienda ha in programma quest’anno di trasformare l’app per dispositivi Apple in un servizio che prevede il pagamento di un abbonamento annuale così come già avviene per altri sistemi operativi come Android, BlackBerry, Nokia e Windows Phone.

Il nuovo modello con abbonamento si applicherebbe nuovi utenti, riferisce Koum, e probabilmente seguirà la stessa politica di costi che già è presente sulle altre piattaforme, ovvero gratuita per il primo anno e poi al prezzo di 1 dollaro all’anno, diversamente da come accade oggi che al momento del download bisogna pagare 99 centesimi. “Di preciso non sappiamo ancora la data, ma sicuramente sarà quest’anno ed è sulla nostra tabella di marcia”, ha riferito Koum.

Nonostante questo, il CEO non si sbilancia troppo sulle logiche che stanno dietro al modello e alla nuova strategia di WhatsApp e afferma che “Vogliamo mantenere le cose semplici”.

Nel panorama competitivo delle app, WhatsApp è attualmente uno dei servizi di messaggistica più popolari al mondo, con 17 miliardi di messaggi trasmessi tutti i giorni (7 miliardi in entrata e 10 miliardi in uscita), e con oltre 100 milioni di utenti solo su Android. Nonostante questo si trova a dover fronteggiare altri giganti come Line, che nel mese di gennaio ha superato 100 milioni di utenti su più piattaforme. Line è un’app che si scarica gratuitamente e fonda il suo modello di revenue sugli acquisti in-app per emoticon e monete virtuale per i giochi e altri contenuti.

Facebook Comments

2 COMMENTS

  1. […] Ad arricchire il parco dei servizi di messaggistica gratuita mobile ci sono Viber, Kik, iMessage di Apple, BlackBerry Messenger e la chat di Facebook. La differenza sostanziale che ha portato i servizi di chat a sorpassare i normali sms, è riconducibile in larga misura alle tante opportunità che questi servizi offrono agli utenti, come l’invio di link, foto, video, e chat di gruppo. Il tutto in maniera gratuita o quasi. […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here