RAI punta sulla rete per crescere sul mercato televisivo mediterraneo

La televisione pubblica italiana punta ad assumere, tramite le digitali, un ruolo di rilievo tra le audience del Mediterraneo e allo sviluppo di un mercato televisivo maggiormente integrato tra le due sponde del Mare Nostrum. La ha, infatti, in collaborazione con cinque aziende televisive pubbliche del Nord e del Sud del Mediterraneo, lanciato una piattaforma web dedicata a fiction, documentari e serialità televisiva.

Terramed Plus permetterà di accedere gratuitamente in a contenuti audiovisivi con sottotitoli in in inglese, francese e arabo. Il progetto è stato cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Euromed Audiovisuel III.

Molti i contenuti messi a disposizione dalle televisione pubbliche algerina, francese, spagnola, marocchina, e dal canale franco-tedesco ARTE. Il catalogo “sarà continuamente alimentato fino ad arrivare a più di 100 ore di programmi” spiega Marco Simeon, direttore delle Relazioni Istituzionali e Internazionali della Rai.

RAI News avrà un ruolo centrale all’interno del progetto e trasmetterà una vetrina promozionale settimanale (Venerdì, Sabato e Domenica) dei programmi trasmessi dalle partner,  una sorta di guida con le informazioni per ricevere via satellite l’intera programmazione dei canali stranieri e gli orari di trasmissione .

Facebook Comments

6 COMMENTS

  1. […] El proyecto está cofinanciado por la Unión Europea dentro del Programa Euromed Audiovisual III progresivamente ofrecerá un catálogo con más de “cien horas de programas, desde de las estaciones de televisión pública argelina, francesa, española, marroquí, del canal franco-alemán Arte y de la Rai que con Rainews es el líder del consorcio – como explica el Director de Relaciones Institucionales y Internacionales de la empresa Marco Simeon“. […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here