App

Face.com volta le spalle agli sviluppatori e nega le API

Ad un mese dall’acquisizione da parte di Facebook, la compagnia israeliana ha annunciato che entro i prossimi 30 giorni  non renderà più disponibili le sue per il . Ciò contrariamente a quanto dichiarato fino a poche settimane fa, scatenando il disappunto tra i tanti sviluppatori di applicazioni che hanno puntato sulla tecnologia di per i propri prodotti.

La scelta è stata comunicata attraverso una e-mail indirizzata ai tanti partner della società, motivando così la scelta: “Siamo entusiasti di continuare il nostro lavoro con gli amici di . Parte di questo processo include la chiusura di alcuni prodotti e servizi che non siamo più in grado di sostenere, e tra questi sono incluse le API di Face.com dedicate agli sviluppatori”.

Una decisione che va in controtendenza rispetto a quanto annunciato a metà Giugno, una volta concluso l’affare con Facebook, quando la compagnia israeliana dichiarava: “ora numerosi sviluppatori decideranno di utilizzare la tecnologia di Face.com per creare varie applicazioni e realizzare prodotti meravigliosi: il nostro piano è quello di continuare a sostenere la nostra comunità di sviluppatori”.

Proprio questi ultimi hanno iniziato a sfogare la loro frustrazione su Twitter, manifestando il loro disappunto per la scelta della compagnia di voltare loro le spalle improvvisamente. Ma soprattutto, lamentando i danni economici che tale decisione determina, insieme ai mesi di lavoro persi per sviluppare prodotti che ora dovranno trovare un’alternativa alla piattaforma offerta da Face.com.

Facebook Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
Share This