ONU: consultazione elettronica globale sullo sviluppo sostenibile

L’, a pochi giorni dall’inizio della conferenza internazionale Rio+20 sullo , lancia un sondaggio globale online per permettere a tutti i cittadini del mondo di esprimere il proprio parere sulle soluzioni proposte per risolvere le drammatiche sfide sociali, economiche e ambientali che l’umanità si trova a fronteggiare.

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, lanciando la piattaforma online ha dichiarato enfaticamente: “Diteci cosa pensate. Questi voti possono fare la differenza nel costruire un mondo prospero, equo, stabile e sostenibile per tutti”. Il sondaggio rappresenta per il segretario generale “un tentativo di creare un ponte fra la società civile e l’iter ufficiale della prossima conferenza Onu sullo sviluppo sostenibile”.

Le proposte sottoposte all’attenzione della cittadinanza globale sono state formulate da attivisti, leader, rappresentanti della società civile, economisti, urbanisti e persone comuni all’interno di un’iniziativa lanciata ad inizio anno. Cittadini da più di 150 paesi hanno partecipato ad un forum sui principali dedicato a dieci temi legati allo sviluppo sostenibile: acqua e gestione delle città, oceani, cibo e sicurezza alimentare, energia, foreste, occupazione, povertà, crisi economiche, produzione e consumo sostenibile. Dalle discussioni in questa sede sono nate le proposte ora parte del sondaggio globale.

I risultati del sondaggio saranno presentati agli oltre 100 leader mondiali che parteciperanno al summit che si terrà dal 20 al 22 Giugno a Rio de Janeiro. La singolarità dell’iniziativa risiede principalmente in una differenza di fondo rispetto alla maggioranza dei referendum elettronici proposti da organismi governativi, ovvero la selezione dal basso dei temi sottoposti al voto.

Le proposte del sondaggio sono divisi in tematiche e spaziano dall’istituzione di accordi internazionali per la salvaguardia degli oceani e della biodiversità, all’introduzione dei danni ambientali nel calcolo del PIL e all’integrazione di questo con indici di sviluppo sociale.

L’Onu, per promuovere la tematica dello sviluppo sostenibile e la conferenza di Rio, ha inoltre rilasciato un simpatico video, Il futuro che vogliamo, realizzato dal videomaker Virgilio Villoresi e dall’architetto Luca Cipelletti.

(È possibile votare in inglese, francese, portoghese, spagnolo, russo, cinese e arabo, fino al 15 Giugno sul sito di http://vote.riodialogues.org/.)

Facebook Comments

5 COMMENTS

  1. Gustavo, quero pensar com seu sentimento de carinho por Cuba, que também é meu, mas cada vez mais evanescente. O que vi, 52 anos depois, o mercado negro por todos os poros, uma conversa cheia de temas proibidos, não me deixam muito esperançoso de que a transição seja diferente, em essência, do que vem sendo nos demais países. Mas, torço para que seja diferente. Só espero que não demore demasiado

  2. My little guys are now big guys and they still love to hear me tell them how cute they are and how much I love, love, love, their little faces. Their chests actually puff out a little! Your boys "angel kisses" are adorable. One more way for him to know how much God loves him too.

  3. Hey Ladyrosie..Girl i just want to say thank you..I made your peach cobbler,sweet potatoe pie, and easy turkey recipe for thanksgiving all were the BOMB.COM .im not a baker at all and they were really easy to follow, i even took a pie to work,,thanx so much i will be trying more of ur recipes thanx again:))

  4. , “We do not recognize a regime based on discrimination, occupation and expansionism,” and he said that country “last week attacked Syria and last year attacked Lebanon”; pretty much what most of the Middle East agrees with. He may have granted that the Holocaust did take place, but the world needs “more research on it”. The Holocaust is not his main point: it always serves as an intro to one of his key themes – why should the Palestinians pay the price for something that happened in Europe? He said he wanted a “clear” answer. No one designed to provide it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here