I timori per la sicurezza dei dati si spostano sul Mobile

I timori per la sicurezza dei dati si spostano sul Mobile. E’ quanto emerge da una di Harris Interactive, che svela le percentuali del problema: l’81% dei dipendenti usa i device personali per consultare dati e documenti appartenenti alla propria compagnia, che dovrebbero essere gelosamente custoditi e rimanere all’interno del network aziendale, a volte salvandoli direttamente sui propri (24%) e tablet (10%) per averli a disposizione in mobilità ed in momenti differenti rispetto all’orario di .

E fino a questo punto si tratta di un processo verso cui tutte le imprese si stanno allineando, quella IT consumerization di cui spesso abbiamo parlato sulle nostre pagine.

Il dato allarmante è rappresentato dalla notizia che solamente un quarto dei dipendenti che ospitano le informazioni aziendali sugli smartphone personali adottano sistemi per proteggere i dati contenuti al loro interno, come il semplice utilizzo di un codice per sbloccare il dispositivo, ed addirittura il 33% di loro ha disabilitato volontariamente questa funzione sui tablet.

Solo un terzo di tutti gli smartphone, tablet, laptop e PC personali utilizzati a scopo lavorativo integrano un qualsiasi tipo di protezione o crittografia per tutelare i dati aziendali.

Ciò significherebbe che, in caso di smarrimento involontario o di furto del proprio device, le informazioni in esso contenute sarebbero alla mercé di chiunque. Con il risultato che la segretezza dei dati aziendali sarebbe così compromessa.

La del BYOD (bring-your-own-device) rappresenta ancora numerosi rischi, così come l’utilizzo di piattaforme di storage online come Dropbox, a volte collegate e sincronizzate automaticamente con i propri dispositivi.
Se le aziende, che vogliano o meno sfruttare i vantaggi della , hanno a cuore la sicurezza dei propri dati, devono iniziare a prestare attenzione a questi tipi di problemi, ed inserire policy dedicate all’uso dei terminali personali dei propri dipendenti, offrendo loro strumenti e tecnologie per proteggere e rendere sicuri questi ultimi, insieme all’azienda stessa.

Facebook Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here