copia&incolla

3 motivi per non temere l’intelligenza artificiale

Qual è la vostra più grande preoccupazione quando si tratta di (AI)? È che vi rubi il lavoro? Che sostituirà l’intera umanità? Quando si tratta del valore dell’AI, tutti hanno un’opinione, ma quando abbiamo posto al nostro cliente Virgin Money la stessa domanda, ci hanno detto che non sono affatto preoccupati. In realtà, vedono l’AI come un modo per riprendere il controllo del proprio ambiente IT.

Il modello di Virgin Money

Virgin Money, un’istituzione finanziaria leader nel Regno Unito, aveva bisogno di trovare un modo per monitorare automaticamente le prestazioni del suo ecosistema digitale. Il team operativo era sommerso da problemi di performance irrisolvibili e come la maggior parte dei team ha sofferto la pressione del tempo, la crescente complessità e l’aumento delle sollecitazioni da parte dell’azienda.

Non dimentichiamo inoltre che si tratta di un brand Virgin, il che significa che l’esperienza del marchio è più importante che mai.

(Implementando Dynatrace) Con un sistema di monitoraggio delle prestazioni, Virgin Money è ora in grado di identificare automaticamente, con l’aiuto dell’AI, la causa principale dei problemi di prestazioni in pochi minuti, non in giorni. Questo è un notevole risparmio di Euro. O in questo caso di Sterline.

Al Perform 2018 hanno condiviso queste statistiche – che è un esempio di un problema:

Oggi, utilizzano la potenza dell’automazione e dell’intelligenza artificiale di Dynatrace, che consente loro di dedicare più tempo a quello che chiamano “la to do list dell’innovazione” rispetto alla ricerca dei problemi di prestazioni. Diginomica ne ha scritto qui.

Complessità IT

La verità è che le nuove tecnologie e le architetture cloud aggiungono livelli di complessità a un ecosistema digitale già complesso. Le aziende non solo spostano le app in una varietà di ambienti cloud diversi: cloud ibrido, on-prem, cloud pubblico, ma le applicazioni vengono ridistribuite come funzioni contenitore, microservizio e serverless.

 

A sovraccaricare la sfida della complessità, gli utenti finali che accedono a queste app dai loro telefoni, nell’auto e dai loro dispositivi intelligenti. L’IoT introduce un nuovo mondo di complessità.

Quindi, quando qualcosa va storto, identificare la causa alla radice è molto simile a trovare un ago in un pagliaio.

Con il crescere di queste complessità, i team IT stanno lottando per tenere il passo. Per gestire la scala dei componenti in sistemi moderni e distribuiti, l’automazione sta diventando una necessità e l’intelligenza artificiale è l’unico modo realistico per contrastare la complessità.

Competition – “Essere o non essere dirompenti”

Il nostro è un mondo determinato dal software e tutte le aziende si stanno impegnando per fornire software migliori e più velocemente. Questo significa utilizzare l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico.

Google è già in prima linea in questo. Questo tweet risale a un evento a cui sono stato nel 2016.

Intelligenza artificiale significa automazione e vantaggio competitivo. Ma anche riduzione dei costi per spostare l’attenzione delle persone dalle operation tradizionali a devops dinamici o anche NoOps.

La riduzione dei costi è stata quantificata in un recente rapporto che abbiamo realizzato, che ha rilevato che i team IT attualmente spendono 2,5 milioni di dollari e il 29% del loro tempo a “spegnere gli incendi” delle prestazioni digitali.

Implementando piattaforme di Application Monitoring che sfruttano l’intelligenza artificiale, le aziende possono concentrarsi a offrire funzionalità, attività e innovazioni migliori in grado di generare profitti crescenti, aumentare la fedeltà al brand e migliorare la customer experience.

Quindi, la prossima volta che pensate all’IA e a tutte le incertezze che ne derivano, ricordate che l’83% dei CIO sta pianificando di implementare tecnologie AI quest’anno. E sai cosa dicono, se non puoi batterli, unisciti a loro!

di Dave Anderson, Global VP Marketing at Dynatrace

Copia & Incolla: perché questo titolo? Perché i contenuti di questa categoria sono stati pubblicati SENZA ALCUN INTERVENTO DELLA REDAZIONE. Sono comunicati stampa che abbiamo ritenuto in qualche modo interessanti, ma che NON SONO PASSATI PER ALCUNA ATTIVITÀ REDAZIONALE e per la pubblicazione dei quali Tech Economy NON RICEVE ALCUN COMPENSO. Qualche giornale li avrebbe pubblicati tra gli articoli senza dire nulla, ma noi riteniamo che non sia corretto, perché fare informazione è un’altra cosa, e li copiamo ed incolliamo (appunto) qui per voi.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This