Focus

Networking e mentoring per startup in salute

Costruire un ecosistema ideale a far sviluppare significa agevolare il networking e la contaminazione positiva tra differenti esperienze, anche attraverso attività di mentorship.

Il mentor – afferma Domenico Laudonia, business angel UniCredit Start Labè una figura fondamentale nell’ecosistema dell’innovazione. In quelli più importanti (USA in primis ma anche Germania, UK, Giappone), gli imprenditori o i manager che hanno creato storie di successo, o hanno avuto l’opportunità di maturare esperienze professionali significative in ambienti ad alta tecnologia/alta turbolenza, mostrano una naturale predisposizione a trasferire le proprie conoscenze ai giovani di talento che intendano avviare iniziative ad elevato potenziale”.

Questo quello che si è fatto durante uno degli ultimi MentorDay organizzati da UniCredit nell’ambito del programma di accelerazione di Start Lab, che ha visto la partecipazione di 40 startup che hanno incontrato 25 mentor in più di 160 business meeting.

I mentor di Start Lab – con i quali sono previsti un minimo di 4 incontri in un anno finalizzati a supportare, guidare e aiutare a fare networking – sono selezionati tra manager, imprenditori, professionisti affermati, consulenti e legali del network di UniCredit e scelti sulla base delle esigenze espresse da ciascuna startup.

In generale la mentorship più efficace – continua Laudonia – deriva dall’esperienza di imprenditori di successo, che hanno affrontato situazioni di business che presentavano forti analogie (tecnologiche, di mercato, di modello di business, di processo, ecc.). E’ indispensabile che un sistema sia in grado di autorigenerarsi, alimentando nuova linfa imprenditoriale con competenze che la classe imprenditoriale affermata è disponibile a condividere, non solo per facilitare, ma anche per accelerare la nascita di nuove iniziative che possano generare impatti positivi rilevanti sull’intera collettività”.

La mentorship per essere efficace deve rappresentare un momento concreto di trasferimento della conoscenza e deve pertanto essere attinente, rilevante, trasparente, eticamente disinteressata.

Quale l’esperienza delle startup?

Medyx è una startup innovativa a vocazione sociale selezionata per il programma che ha come missione l’elevazione della qualità delle strutture sanitarie agli occhi dei propri pazienti attraverso un servizio che ricorda loro il momento in cui assumere farmaci dopo la dimissione.
Durante questo percorso – afferma Roberta Musarò di Medyxsiamo stati seguiti in modo scrupoloso da tutto il team di UniCredit e abbiamo avuto modo di beneficiare dell’attività di di un network di qualità. Si è aperto un confronto con mentor di altissimo livello e con un’esperienza decennale nello sviluppo business che ci hanno aiutato ad avere una visione ancora più ampia del nostro mercato di riferimento. Tra tutti i bravissimi mentor che ci hanno seguito un merito particolare va a Danilo Mazzara (Senior Manager presso Accenture Strategy) che con i suoi preziosi consigli ci ha fatto porre l’attenzione su aspetti strategici del nostro business, potenziandoli. Oltre al valido supporto dei mentor grazie ad UniCredit Start Lab abbiamo avuto la possibilità di venire in contatto con importanti realtà aziendali operanti nel settore healthcare, anche potenziali clienti, e abbiamo ottenuto un’attenzione mediatica specifica, tutti aspetti fondamentali per la sana crescita di una startup”.

Quali i benefici per i giovani imprenditori secondo Laudonia?

Tra i vantaggi principali il fatto che ci si può focalizzare sulla parte più disruptive dell’iniziativa e affidarsi per il “bread and butter” ai consigli di chi ha avuto l’opportunità di risolvere analoghi problemi (effetti positivi sul timing e sul saving di risorse/costi/investimenti). Oltre a questo la possibilità di arginare il senso di solitudine che generalmente attanaglia l’imprenditore nelle sue scelte, provocando effetti benefici su motivazione e modello di leadership. Senza dubbio poi l’allargamento esponenziale del network e delle opportunità.
E’ altresì importante che i giovani imprenditori si predispongano con atteggiamento aperto e costruttivo per recepire le osservazioni dei mentor, facendo leva sia sulle capacità di ascolto che di sintesi critica. Troppo spesso si vedono giovani startupper che non hanno sufficiente fame di sapere, non si comportano come “spugne di conoscenze”: è molto importante che la relazione attivata non resti formale o superficiale, ma di reale fiducia ed effettiva qualità.
In Italia la mentorship imprenditoriale è un fenomeno in crescita ma purtroppo ancora non adeguatamente presente. Iniziative come UniCredit Start Lab rappresentano un validissimo punto di riferimento per i giovani imprenditori che con questi programmi di accelerazione hanno accesso di fatto ad un ecosistema selezionato, qualificato e completo: imprenditori, università, grandi imprese, investitori, altri startupper.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This