Content Strategy

Il contenuto nuova moneta di scambio

Hai mai pensato a cosa sarebbe il web senza contenuto? Il contenuto è il cuore dello scambio di valore tra te e il tuo utente, è l’argomento di vendita delle tue strategie, è quello che si presta a essere condiviso, interpretato, confutato, immaginato, modificato, sinesteticamente “sentito”.

Voglio ragionare con te partendo dall’infografica, di qualche anno fa, di Ogilvy: «Content is the new currency» ovvero il content è la nuova moneta di scambio.

Nell’infografica si argomenta il titolo con 5 motivazioni che possiamo schematizzare così:

  1. Il contenuto viene condiviso e scambiato per creare valore
  2. Il contenuto serve per acquisire fiducia
  3. Il contenuto costruisce legami
  4. Il contenuto è un patrimonio
  5. Il contenuto catalizza e unisce persone con gli stessi interessi

Se ci pensi è proprio quello che accade, giorno dopo giorno. Creiamo e divulghiamo contenuti che ci aspettiamo vengano condivisi il più possibile per soddisfare, spesso inconsciamente, la ricerca spasmodica di approvazione.

Ma allora se il contenuto è il modo di scambiare valore con gli altri perché mercificarlo? Serve davvero questa produzione di massa? Non sarebbe meglio conservare un po’ di inchiostro e incominciare a far lavorare di più i sensi per costruire delle conversazioni che sappiano creare legami solidi? More is less, e non il contrario.

Gli emoji sono diventati la narrazione istantanea delle emozioni: rapidamente sostituiscono le parole che non sappiamo pronunciare, avvallano il multitasking e si sposano bene con la tendenza a dipingere contenuti senza prospettiva a profondità.

Per riuscire a costruire legami attraverso il contenuto ci vogliono empatia e compassione – che non sono la stessa cosa, bada bene – ci vuole un atteggiamento che punti a mostrare interesse e non quanto si è interessanti, ci vogliono la capacità di sottrare quantità e di moltiplicare – con progressione geometrica – la qualità di quello che si diffonde.

Ci vogliono tempo e mestiere.

Chi si occupa di gestire il patrimonio (il contenuto) deve saperlo amministrare e governare con sapienza, bilanciando quello che si vuole raccontare con quello che gli altri vogliono sentire.

Non perdere di vista che se un utente sceglie di condividere o divulgare, dentro e fuori dal web, il tuo contenuto si sta indirettamente eleggendo a tuo promotore, e questo per te vale più di qualunque autoproclama.

Ti dicono che devi postare una volta al giorno, e ti dicono anche quali modalità utilizzare per ottenere più successo; tuttavia, pochi considerano che nella relazione tra individui la fiducia si costruisce a colpi di trasparenza e spontaneità.

È attraverso il contenuto che trasmetti la tua unicità, è attraverso la forma e i canali che scegli che questa manifestazione diventa efficace. Certo non piacerai a tutti, come è bene che sia, ma catalizzerai, ben più importante, chi condividerà i tuoi stessi interessi e sarà pronto a condividerli.

Se è vero che il contenuto è la nuova moneta di scambio, allora avrà successo chi riuscirà a creare il proprio conio, con pochi tagli forse, ma quelli che sapranno far circolare valore.

Giada Cipolletta

Giada Cipolletta

Stratega del , appassionata di customer experience e co-fondatrice di Simmat, da oltre 15 anni scrive per la carta e il web. Comunicazione e marketing digitale sono materia degli eventi e dei corsi ai quali partecipa come speaker e docente in giro per l’Italia.
Ambasciatrice del karma marketing, il content di valore è il suo credo, l’experience design la sua metodologia e l’ironia lo strumento per rendere usabile e comprensibile a tutti il mondo dei bit. Giada è membro dell’Internet Marketing Association, consigliere di Assintel Umbria e di Terziario Donna Umbria.

Twitter LinkedIn 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This