Digital Trends

5 trend da CES 2017

Il CES di Las Vegas rappresenta sempre un’occasione unica per osservare in pochi giorni tutto quello che esiste e che sarà sul mercato tecnologico consumer nel corso dell’anno successivo. Questo evento è tuttavia ugualmente unico per capire i trend di sviluppo a medio-lungo termine nel mondo ICT a 360° oltre che portare a casa innovazioni “pronte all’uso” e giocare quindi d’anticipo sui tempi naturali di diffusione dell’innovazione stessa. Fondamentale oggi per ogni azienda credere fortemente nella contaminazione delle idee e degli ambiti in cui queste nascono, al fine di creare soluzioni realmente innovative connettendo tutte le peculiarità di ciascuna tecnologia e cercando di aggiungere valore al nostro modo di lavorare.

Ed ecco allora 5 interessanti novità “osservate” al 2017.

1. e assistenti Vocali

Una delle evoluzioni più interessanti di quest’anno è legata alle modalità di interazione dei dispositivi di nuova generazione: all’interno di molti prodotti sono stati inseriti intelligenza artificiale e bot vocali per consentirne l’interazione mediante il semplice utilizzo della propria voce.

Al momento le funzionalità sono già ricche e le prove fatte sul campo mostrano come in particolare Amazon Alexa (presente nella maggior parte dei prodotti) sia abbastanza affidabile per il riconoscimento del linguaggio (anche da non madrelingua) e efficace nell’integrazione di prodotti e servizi (in particolare quelli di Amazon, ma non solo).

Le tematiche relative ai BOT sono oggetto di studio e sperimentazione in ogni loro declinazione da molto tempo da parte dell’azienda in cui lavoriamo, Cefriel. Il primo degli obiettivi che ci siamo posti è stato semplificare l’interfaccia di accesso ad ecosistemi digitali complessi (API ecosystem). Primo grande risultato di tali sperimentazioni è stato constatare come la semplicità e la naturalezza dello strumento di interazione via text chat abbia già sdoganato nuovi paradigmi di interazione con i “roBOT” su canali abitualmente frequentati da utenti umani, aprendo ovviamente all’utilizzo di ulteriori meccanismi di interazione ancor più naturali come ad esempio la voce o i gesti. È quindi molto probabile che con il raggiungimento della maturità di queste tecnologie si assisterà davvero a una rivoluzione nel modo con cui interagiamo con i dispositivi di utilizzo comune ed i nuovi e sempre più pervasivi oggetti che ci circonderanno nella vita quotidiana.

2. Internet of things @ home

L’Internet of Things sta diventando mainstream. Quasi tutti gli elettrodomestici che saranno distribuiti nel prossimo periodo saranno connessi a Internet e potranno beneficiare di numerose funzionalità aggiuntive che spaziano dal controllo remoto alla personalizzazione dei servizi, effettuata per mezzo della raccolta e analisi dei dati di utilizzo.

IoT e data analytics sono temi che in Cefriel approfondiamo da tempo, evidenziando tutte le potenzialità di collegamento e interazione tra i due ambiti. Il prossimo passo per migliorare ulteriormente l’IoT sarà infatti probabilmente legato all’utilizzo dei dati raccolti dai dispositivi connessi in rete per creare servizi a valore aggiunto che consentiranno di migliorare la profilazione dell’utente, il funzionamento del dispositivo a fini diagnostici e per ottimizzarne i consumi. Siamo nell’era degli ecosistemi di oggetti connessi e ciascuno di essi produce quantità considerevoli di dati prelevandoli dall’utilizzo quotidiano che ne facciamo (es. wearable) piuttosto che da valori che misurano il contesto di utilizzo (es. sensori IoT di diversa natura). La sfida attuale in questo ambito diventa quindi l’utilizzo di tali dati per creare modelli di business “utili” prima che “sostenibili”.

3. e Realtà Virtuale

Quasi in ogni angolo della Fiera qualcuno indossava un visore ed era immerso in una realtà virtuale. Uno scenario che può apparire in parte “inquietante”, ma che denota un trend interessante sulla realtà virtuale per scopi vari: gaming il più evidente, ma anche per intrattenimento e visualizzazione di immagini o video.

In ambito enterprise, invece, la realtà aumentata è la tecnologia che si sta aspettando da parecchio tempo e che, forse, ora può finalmente iniziare a diventare “realtà” vera. Lavoriamo su  questo tema realizzando proof of concept degli scenari d’uso più consueti legati soprattutto alle operazioni di manutenzione. Purtroppo le implementazioni degli scenari d’uso più comuni sono ancora strettamente dipendenti dalle specificità tecnologiche dei device utilizzati e questo riduce ovviamente sia la completezza delle soluzioni implementate che l’universalità delle stesse applicazioni in termini di portabilità. Stiamo tuttavia riscontrando un interesse crescente da parte dei produttori nel colmare il gap tra limiti degli strumenti e potenziamento degli stessi sulla base dei feedback degli utilizzatori e degli sviluppatori di soluzioni AR, tanto che nei dispositivi di nuova generazione riscontriamo già alcune modifiche richieste dal mondo enterprise e ci avviciniamo a prodotti che consentiranno di far apprezzare i veri vantaggi della realtà aumentata anche in contesti professionali.

Questo cambio di rotta è in parte limitato a un approccio molto focalizzato alla vendita dei dispositivi hardware piuttosto che alla realizzazione di soluzioni e use case “pronti all’uso”. Tuttavia, alcuni grossi player nell’ambito dell’elettronica e dell’informatica si stanno muovendo verso l’ideazione di ecosistemi completi per favorire lo sviluppo di soluzioni software legate alla realtà aumentata mediante la creazione di framework e piattaforme standard per lo sviluppo e linee guida per la realizzazione delle interfacce utente.

4. Droni

Negli spazi espositivi non sono mancati oggetti volanti di vario tipo, a cui si possono aggiungere alcuni esempi di droni subacquei e prototipi per fare le consegne a domicilio. L’evoluzione dei droni sta proseguendo a ritmi elevati e lo dimostra l’alto numero di differenti soluzioni presentate che copre sia l’ambito consumer che quello enterprise. Infatti, esistono tipologie di droni di tutti i tipi: droni utilizzati per il gaming (es. caccia al drone, o gare tra droni), droni per uso personale (es. fare selfie o brevi video), droni per ambito enterprise, pensati per operazioni di manutenzione (es. alcuni includono già fotocamere termiche), operazioni specifiche (es. distribuire fertilizzante nei terreni agricoli, o dipingere un muro), o per riprese professionali.

Interessante immaginare come i droni possano essere usati per semplificare compiti prima complessi, aumentare il livello di sicurezza e di precisione di alcune operazioni, rendere possibile l’elaborazione e l’acquisizione di informazioni altrimenti non disponibili.

5. Self Driving & Connected Cars

Tra prototipi futuristici e auto già pronte (o quasi) per essere sul mercato, il settore automotive ha presentato parecchie novità tecnologiche che vanno dalla riduzione degli impatti ambientali all’introduzione di intelligenza artificiale e alla connessione delle auto ad internet.

Per quanto riguarda la maturità delle soluzioni, sulla base delle presentazioni delle varie case automobilistiche, si è portati a pensare che entro un paio d’anni anni le auto saranno in grado di parcheggiare completamente da sole e di assistere alla guida in situazioni “semplici”, come il viaggio in autostrada. Per la vera guida assistita ci vorrà invece ancora del tempo: presumibilmente, nell’arco di 4-5 anni, si potranno cominciare a vedere le prime auto completamente connesse che potranno assolvere a tutti gli effetti al ruolo di assistenti virtuali per supportare la guida autonoma.

L’obiettivo per questo tema in particolare è quello di studiare e realizzare degli Smart Ecosystem composti da auto e servizi sulla rete che completano la visione autonoma dell’ambiente da parte delle connected cars a guida autonoma. Seppur in grado di muoversi autonomamente nello spazio, le auto hanno sempre più bisogno di capire l’ambiente e adattarsi ad esso per migliorare non solo il confort di guida, ma anche la sicurezza, l’ottimizzazione dei tempi e la conoscenza di tutti i servizi disponibili sul territorio nell’ottica di integrarsi sempre più con le future Smart Cities.

Giuseppe Gramazio
Giuseppe Gramazio opera in Cefriel da 15 anni. Le sue principali attività di ricerca riguardano l’ambito delle tecnologie Web con particolare riferimento allo sviluppo di portali, Content Management System, middleware opensource e applicazioni web mobile. Attualmente gestisce la Practice di sviluppo “Mobile, Web & Wearable” nell’ambito della divisione Digital Interaction. Tra gli ambiti che lo hanno visto particolarmente impegnato negli ultimi anni: l’applicazione dell’Augmented Reality in progetti enterprise, la sperimentazione di nuove tecnologie di sviluppo mobile, wearable e di localizzazione.

Roberto Puricelli
Roberto Puricelli lavora da cinque anni nella Practice “Information Security” di Cefriel nell’ambito della Digital Innovation, ed è certificato CISM. In ambito sicurezza ha partecipato a numerosi progetti che gli hanno permesso di acquisire esperienza anche in temi di frontiera, come l’analisi di nuove minacce e scenari di attacco e la sicurezza del fattore umano. Opera anche in progetti di innovazione, approfondendo principalmente il tema della realtà aumentata applicata alle operazioni di manutenzione, e contribuendo alla definizione di scenari e alla realizzazione di prototipi di soluzioni basate sulla tecnologia blockchain.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Shares
Share This