eBusiness

Cloud ibrido: quante aziende sanno cos’è e lo usano?

Cloud

In inglese si scrive  e indica la combinazione di due o più servizi cloud (public, private o community) che, pur rimanendo entità distinte, sono legati insieme, permettendo di sfruttare i vantaggi propri di ogni modello. Una tecnologia già molto diffusa visto che, secondo uno studio condotto da a livello mondiale su un campione di oltre 6.000 rispondenti, il 73% delle aziende avrebbe già adottato una strategia di questo tipo per l’erogazione di servizi IT.

Tuttavia, a fronte di questa alta percentuale di adozione, la ricerca ha dimostrato un basso grado di consapevolezza nella definizione di cloud ibrido:

  • per il 20% delle aziende mondiali, l’hybrid cloud equivale all’utilizzo congiunto di risorse cloud pubbliche e private per il medesimo workload;
  • il 18% dichiara che questo utilizzo congiunto non è necessariamente limitato al medesimo workload;
  • per il 16% cloud ibrido significa poter facilmente passare da un service provider all’altro;
  • il 18% sostiene che hybrid cloud è poter utilizzare una varietà di servizi cloud pubblici dello stesso service provider o di più service provider;
  • per il 22% è poter usare una varietà di risorse cloud dello stesso service provider o di più service provider;
  • il 6% non risponde o indica altri utilizzi.

Pertanto, ciò che emerge è una netta discrepanza tra il grado di adozione del cloud ibrido e l’effettiva consapevolezza circa l’utilizzo di tale tecnologia. A tal fine, IDC ha elaborato l’elenco delle caratteristiche di un’hybrid cloud affinché possa essere definito come tale:

  • la sottoscrizione a più servizi cloud esterni;
  • l’utilizzo congiunto di servizi cloud pubblici e asset IT dedicati;
  • un’architettura IT in grado di unire la configurazione, l’approvvigionamento e la gestione delle risorse cloud;
  • il supporto di workload altamente portabili e del bursting automatico (il passaggio dell’esecuzione di un picco da una private cloud, o un data center interno, a una public cloud);
  • l’utilizzo di due o più workload in configurazione automatica;
  • la gestione di tutte le risorse IT con lo stesso service catalog, gli stessi SLA ecc.

Tra i principali vantaggi del cloud ibrido individuati nella ricerca la possibilità di utilizzare la piattaforma più adatta ai carichi di lavoro e scalare le risorse in base alle esigenze. Se le aziende saranno in grado di scegliere in futuro in modo più consapevole lo potrà dire solo il tempo.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This