News

L’Italia e il basso livello di competenze in sicurezza informatica

Sicurezza Informatica

È a lanciare l’allarme. Nonostante i giovani siano molto interessati alla tematica della cyber sercurity, che approfondirebbero per fare carriera, sono i datori di lavoro a non dare particolare rilevanza all’argomento, non indirizzando il talento dei giovani verso questo settore.

Secondo un nuovo sondaggio, condotto su 12.000 utenti privati e professionisti IT negli Stati Uniti e in Europa, Kaspersky Lab ha scoperto che il 64% degli italiani di età inferiore ai 25 anni considera l’hacking una competenza “notevole” e solo il 26% degli intervistati è preoccupato dalle persone che dispongono di competenze di hacking.

Molto interessante il dato sul tipo di utilizzo che gli italiani farebbero delle competenze:

  • il 54% degli italiani di età inferiore ai 25 anni parteciperebbe davvero alla lotta contro il cyber crimine;
  • il 18% userebbe le proprie competenze per divertimento;
  • il 22% si dedicherebbe ad attività segrete;
  • il 10% tenterebbe di ottenere profitti finanziari.

Da questi dati si deduce che i giovani appassionati di informatica di oggi potrebbero essere la chiave per colmare il gap di competenze informatiche esistente (la recente Global Workforce Survey condotta da Frost & Sullivan ha previsto una carenza di 1,5 milioni di professionisti della sicurezza informatica entro il 2020).

Per fare ciò è necessario che i datori di lavoro incoraggino i giovani ad utilizzare le proprie capacità nel settore della sicurezza informatica. Ciò porterebbe non solo a colmare la carenza occupazionale esistente, ma anche ad evitare che molti giovani si dedichino ad attività di .

Eugene Kaspersky, Presidente e CEO di Kaspersky Lab ha affermato: “Il settore della sicurezza e l’istruzione devono fare molto di più per reclutare la nuova generazione di cyber professionisti. I segnali di pericolo sono evidenti. La frequenza e il profilo di cyber attacchi condotti da adolescenti stanno aumentando di pari passo con le competenze di ogni generazione, nonché con la pronta disponibilità di ‘malware as a service’”.

4 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

4 Comments

  1. Jenn

    04/12/2016 alle 08:13

    Why does this have to be the ONLY relibale source? Oh well, gj!

  2. Roby

    04/12/2016 alle 09:45

    Whoa, things just got a whole lot eaeisr.

  3. buy cialas on line

    22/01/2017 alle 21:15

    Your article has brought forward some very original and unique thoughts. I like how you expressed your points in an easy to read format. Thank you for writing such clear and concise material. Good reading.

  4. fifa 14 ps3 coins hack

    24/02/2017 alle 18:57

    This is beautiful and courageous. Thank you for sharing so openly. It is often not easy to ask for help or to try something that we feel like we’d rather not try. I know.But the key, in your story- you had the courage to DO SOMETHING. Thank you for showing us!

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This