News

L’Italia e il basso livello di competenze in sicurezza informatica

Sicurezza Informatica

È a lanciare l’allarme. Nonostante i giovani siano molto interessati alla tematica della cyber sercurity, che approfondirebbero per fare carriera, sono i datori di lavoro a non dare particolare rilevanza all’argomento, non indirizzando il talento dei giovani verso questo settore.

Secondo un nuovo sondaggio, condotto su 12.000 utenti privati e professionisti IT negli Stati Uniti e in Europa, Kaspersky Lab ha scoperto che il 64% degli italiani di età inferiore ai 25 anni considera l’hacking una competenza “notevole” e solo il 26% degli intervistati è preoccupato dalle persone che dispongono di competenze di hacking.

Molto interessante il dato sul tipo di utilizzo che gli italiani farebbero delle competenze:

  • il 54% degli italiani di età inferiore ai 25 anni parteciperebbe davvero alla lotta contro il cyber crimine;
  • il 18% userebbe le proprie competenze per divertimento;
  • il 22% si dedicherebbe ad attività segrete;
  • il 10% tenterebbe di ottenere profitti finanziari.

Da questi dati si deduce che i giovani appassionati di informatica di oggi potrebbero essere la chiave per colmare il gap di competenze informatiche esistente (la recente Global Workforce Survey condotta da Frost & Sullivan ha previsto una carenza di 1,5 milioni di professionisti della sicurezza informatica entro il 2020).

Per fare ciò è necessario che i datori di lavoro incoraggino i giovani ad utilizzare le proprie capacità nel settore della sicurezza informatica. Ciò porterebbe non solo a colmare la carenza occupazionale esistente, ma anche ad evitare che molti giovani si dedichino ad attività di .

Eugene Kaspersky, Presidente e CEO di Kaspersky Lab ha affermato: “Il settore della sicurezza e l’istruzione devono fare molto di più per reclutare la nuova generazione di cyber professionisti. I segnali di pericolo sono evidenti. La frequenza e il profilo di cyber attacchi condotti da adolescenti stanno aumentando di pari passo con le competenze di ogni generazione, nonché con la pronta disponibilità di ‘malware as a service’”.

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Jenn

    04/12/2016 alle 08:13

    Why does this have to be the ONLY relibale source? Oh well, gj!

  2. Roby

    04/12/2016 alle 09:45

    Whoa, things just got a whole lot eaeisr.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This