eGov

Milano la città più smart. Sud indietro ma in ripresa

Smart City

È Milano la città italiana più smart secondo la ricerca ICity Rate 2016, realizzata da Forum PA, che ha coinvolto 106 comuni capoluogo sulla base di 105 indicatori statistici e sette dimensioni tematiche: Economy, Living, Environment, People, Mobility, Governance e Legality.

L’analisi ha considerato prioritari aspetti quali l’innovazione sociale, il co-design e la gestione dei beni comuni, caratteristiche che contraddistinguono il nuovo paradigma di SmartCity.

Dopo Milano, che consolida il primato dello scorso anno, ci sono Bologna (che si conferma seconda) e Venezia (che sale di due posizioni). Il capoluogo lombardo eccelle per quanto riguarda fattori legati a economy, people e living mentre ha raccolto punteggi bassi per qualità dell’ambiente, sicurezza e corruzione.

Bologna ha ottenuto grandi punteggi su partecipazione, open data, nuovi strumenti di programmazione, stabilità economica e capacità gestionale, mentre Venezia ha registrato ottimi risultati riguardo la mobilità, il capitale umano e la governance.

Molto ben posizionate e con alti punteggi Firenze, Padova e Torino, seguite a ruota da Parma, Trento, Modena e Ravenna. La Capitale è ferma in 21° posizione.

Italia a due velocità?

Come spesso accade, anche questa ricerca restituisce la fotografia di un’Italia nettamente spaccata in due, con le città del Nord rafforzate nel sistema urbano e quelle del Sud ancora molto lontane dalle posizioni che contano (la prima città e Cagliari, 54°).

Particolarmente significativo è, a tal proposito, il dato sulle Città Metropolitane, ridimensionate da questa ricerca. Nella loro definizione le città metropolitane dovrebbero guidare i processi di sviluppo del Paese, ponendosi all’avanguardia rispetto agli altri territori soprattutto negli aspetti legati all’innovazione e alla competitività. Invece, il dato restituito dalla ICity Rate 2016 mostra le città del Sud non in grado di garantire il ruolo baricentrico che i comuni capoluogo dovrebbero rivestire riguardo alle aree metropolitane del Sud del paese: Cagliari in 54° posizione, Bari 65°, Palermo 86°. Napoli scende in 89° posizione, seguita solo da Catania (95°) e Reggio Calabria (104°).

Le Città del meridione, tuttavia, fanno registrare dati incoraggianti, riducendo il divario con il Nord rispetto ai dati del 2015. Oltre a Cagliari crescono Pescara (+5), Bari (+4), Matera (+12), Lecce (+5), Oristano (+1) e Potenza (+2).

Cosa dedurre dalla ricerca?

Una delle evidenze della ricerca ICity Rate 2016 maggiormente commentata – dice , Direttore di Forum PA e curatore della ricerca – è il dualismo Milano – Roma. Milano è sicuramente una città in forte ascesa nel modello smart, crescendo anche sulle dimensioni legate alla qualità della vita, oltre che sulle più tradizionali dimensioni dello sviluppo economico. Roma ha davanti a sé una sfida grande che si traduce in una sfida imperdibile per l’intero Paese. Ma se dovessi porre l’attenzione su un dato, tra i tanti interessanti, inviterei a ragionare sulla spinta delle città del Sud che, pur rimanendo nella seconda metà della classifica (la prima è Cagliari in 54^ posizione), registrano spinte in avanti importanti: Cagliari dalla 60° posizione arriva in 54°, Lecce cresce di 5 punti, Siracusa di 14. Il dato interessante, a mio avviso, è che queste città stanno dimostrando capacità di reagire soprattutto grazie a progetti d’innovazione sociale, progetti in cui le tecnologie sono cioè intese e applicate per abilitare i cittadini ad agire e a creare sviluppo. Su questi processi accenderei decisamente i riflettori nei prossimi mesi”.

Giorgio Romeo

Giorgio Romeo

Classe ’86. Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e un Master in Management dei Sistemi Informativi, coltivando sempre la passione per la tecnologia, i social media e la grafica.
Nel 2013 ha ottenuto l’abilitazione all’esercizio della professione forense e ha lavorato come avvocato occupandosi di diritto delle nuove tecnologie e pubblica amministrazione digitale.
Attualmente fornisce consulenza a startup e aziende in materia di diritto di internet, privacy, diritto d’autore e social media.

Twitter LinkedIn 

5 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

5 Comments

  1. Shirley

    04/12/2016 alle 08:38

    Pleasing you should think of sohmeting like that

  2. http://www./

    19/01/2017 alle 00:43

    That’s the best answer of all time! JMHO

  3. http://www.kreditvergleichs.top/

    27/01/2017 alle 15:14

    Information is power and now I’m a !@#$ing dictator.

  4. bayern münchen kredit dortmund

    28/01/2017 alle 20:09

    Vingt ans de discours déclinologues (La déclinologie étant une exception française qui, curieusement, n’est jamais vue comme telle, car très lucrative) a préparé le terrain.

  5. It’s a great post, you really are a good writer! I’m so glad someone like you have the time, efforts and dedication writing, for this kind of article… Helpful, And Useful.. Very nice post!

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Shares
Share This