Digital Trends

L’oro di Napoli

La notizia non è nuova, era stata già preannunciata all’inizio dell’anno e sottolineata dalla recente visita in Italia dell’AD Tim Cook: ha dunque ufficialmente aperto la sua iOS Developer Academy a , ospitata nelle strutture dell’Università di Federico II. Nonostante sulla natura di questo centro si sia detto veramente di tutto, si tratta sostanzialmente di una struttura dove ogni anno circa duecento studenti selezionati potranno imparare a sviluppare app per iOS – il sistema operativo di iPhone e iPad – direttamente da docenti formati da Apple. No, niente “600 posti di lavoro”, ma posti per studiare.

Secondo il Rettore Gaetano Manfredi, “Con questa iniziativa Federico II continua a rispondere alle esigenze formative legate alle nuove tecnologie, che devono rappresentare un complemento ai programmi tradizionali che la nostra Università continuerà ad offrire con lo stesso impegno e la stessa qualità di sempre”.

Sembra bello. E invece no.

Intendiamoci: non c’è davvero niente di male che un’azienda come Apple decida di investire per creare nuovi sviluppatori di applicativi per i suoi sistemi. Infatti quello è uno dei settori in cui l’azienda realizza dei profitti: pagano gli sviluppatori (ad Apple) una quota annuale per accedere all’Apple Store, prima ancora di aver non dico venduto, ma anche solo caricato un’app; pagano gli utenti (una parte va ad Apple: prima era il 30%, di recente ridotta al 15% dopo il primo anno, durante il quale continuerà ad essere il 30%) che scaricano le app a pagamento dall’Apple Store. Per chi non lo sapesse, si tratta di un giro d’affari di diversi miliardi di euro all’anno, che però se ne vanno quasi tutti oltreconfine, a quanto pare non proprio legalmente, visto il procedimento intentato da Agenzia delle Entrate contro Apple per una presunta evasione fiscale accertata da 879 milioni di euro (che in monete da 1 euro una sull’altra fanno una pila alta 2000 chilometri), poi diventati 318 milioni in sede di concordato; e non c’è niente di male se l’entità dello sconto avesse in qualche modo aiutato i vertici Apple a scegliere dove fondare una scuola di programmatori di app.

Non c’è niente di male nella comprovata passione del nostro Presidente del Consiglio (peraltro apertamente condivisa da molti, nei palazzi del potere) per i prodotti con la mela morsicata, anche se la sua continua ostentazione ha fatto storcere il naso a molti che, forse per invidia, hanno presentato esposto all’Antitrust per pubblicità occulta (occulta?)

Non c’è niente di male nella felicità che trapela dagli ambienti accademici partenopei (Siamo lieti – ha dichiarato il Rettore – che Apple ci abbia scelto come partner per creare la iOS Developer Academy e non vediamo l’ora di lavorare con l’azienda nella selezione di studenti e docenti per questo corso eccezionale”), sempre attenti a cogliere occasioni di partnership con i colossi informatici, tanto da offrire anche una bella vetrina al Free software per gli studenti della Federico II che però di “free” (come in “freedom”) non ha nulla, se non il prezzo “free” (come in “free beer”), trattandosi di licenze di prodotti Microsoft regalate agli studenti, con buona pace del software libero, che si usa e si insegna in tutte le università del resto del mondo ma evidentemente dev’essere considerato assai antiquato all’ombra del Vesuvio. “Diffondere la cultura digitaledice il Rettore – rappresenta una delle missioni che la Federico II sta perseguendo con determinazione”. Visti i modi, è un po’ come voler diffondere la cultura sportiva regalando copie della Gazzetta dello Sport, ma tant’è.

Non c’è niente di male se nella selezione dei docenti per i corsi dell’Academy finiscono nomi molto legati a membri della commissione esaminatrice. D’altronde se uno è bravo è bravo. Se poi i bravi sono due, come nei Promessi Sposi, è anche meglio no?

Non c’è niente di male se la ministra Giannini, presente all’inaugurazione del campus, ha assicurato tutto il suo appoggio, anche economico: “Ci sono 2,5 miliardi di euro a disposizione per i prossimi anni”. A disposizione di chi, o di cosa? Non lo sappiamo, o forse non siamo abbastanza avanti per capire. Ma non c’è niente di male: forse a Napoli c’è qualcuno che ce lo spiega, magari con un’app.

Marco Alici

Marco Alici

Ingegnere meccanico, lavora come progettista presso la Videx. Affascinato dai computer fin da bambino, quando gli regalarono un Commodore 16, negli anni dell’università scopre Linux e il mondo del Software Libero e Open Source, dapprima come semplice utente, poi come convinto sostenitore. A metà strada tra la formazione tecnica e la passione informatica si inseriscono i suoi interessi nel mondo della computer-grafica e della stampa 3D. È vice-presidente del Fermo Linux Users Group e membro dell’associazione LibreItalia.

3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. Lilly

    04/12/2016 alle 11:23

    जगात (ईतक्या) लोकांना ईतकी फ़ूरसत आहे हे उमगल्या मूळे बरे वाटले..(मी मलाच मोकाट समजत होतो !!)बाकी à  Â…भिनä‚䤦न…बक अप.. वा! वा!… लीहीत रहा

  2. kredit report scores übersetzung

    07/02/2017 alle 17:44

    i did fine rehabing and flipping properties until financing became unavaible. recently i purchased a course and due to a situation beyond my control, i was not able to start for two months and subsequently fell behind. i have the time to work and i am interested in a system such as you describe.

  3. kreditrechner software download

    12/02/2017 alle 18:11

    We could’ve done with that insight early on.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This