eGov

Open Data: quale situazione in Europa?

Nel 2016 i Paesi del gruppo EU28+ hanno completato in media il 57% del proprio programma per l’implementazione degli , con un incremento del 28,6% rispetto al 2015. Mentre nel 2015 erano meno di due terzi (59%) gli Stati EU28+ che avevano integrato una policy dedicata, nel 2016 questo valore è salito oltre i due terzi, esattamente al 68%. I vari Paesi stanno anche investendo per comprendere quale potrà essere l’impatto degli sull’economia e sulla società attraverso una serie di studi e interazioni con la società civile.

Questo quanto emerso dal report “Open Data Maturity in Europe 2016: Insights into the European state of play” di Consulting che mette anche in risalto come, attualmente, l’81% dei Paesi europei dispone di una policy inerente gli Open Data, con un forte incremento rispetto al 69% del 2015. I Paesi stanno inoltre migliorando i propri portali dedicati, raggiungendo un punteggio complessivo di maturità dei portali pari al 64,3% contro il 41,7% dell’anno precedente. I portali offrono differenti formati di dati e funzionalità di download, raccolgono crescenti quantità di dati e registrano un traffico di utenti sempre maggiore. L’European Data Portal, che raccoglie i dati di tutti i portali nazionali dal novembre 2015, include oggi quasi 640.000 dataset, ovvero due volte e mezza il volume di informazioni reso disponibile al momento del lancio. Nel 2016 più della metà degli Stati EU28+ occupa posizioni di avanguardia grazie a robuste policy per gli Open Data e a portali dedicati avanzati, che includono chiare strategie di engagement per promuovere la consapevolezza riguardo agli Open Data.

Nel report sono contenute in chiusura anche una serie di raccomandazioni indirizzate ai responsabili politici e agli uffici responsabili delle policy inerenti gli Open Data. Per aiutare i vari Paesi a compiere passi avanti e raggiungere la piena maturità nello sfruttamento dei vantaggi degli Open Data, si suggerisce di:

  • completare l‘implementazione delle strategie Open Data sottolineando l’importanza di una struttura legale che copra licenze, aspetti legati alla privacy e standard
  • Sviluppare processi automatizzati per raccogliere dati dalle pubbliche amministrazioni e concentrarsi su una qualità uniforme e coerente dei metadati.

Lo studio Capgemini pubblicato nel 2015 in occasione del lancio dello European Data Portal ha stimato che il mercato europeo degli Open Data avrà un valore pari a 325 miliardi di euro nel periodo 2016-2020. Se tutto questo si avvererà lo dirà solo il tempo.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This