Digital Trends

SWIFT Institute: le valute virtuali rimpiazzeranno quelle tradizionali?

è il sistema di moneta elettronica peer-to-peer che consente di effettuare pagamenti online senza passare attraverso un istituto finanziario. Questa definizione lascia pensare che il venga utilizzato principalmente come valuta alternativa: è realmente così? Il rappresenta un investimento o una merce di scambio?

Nella ricerca dello SWIFT Institute è stato analizzato il ruolo e l’utilizzo delle valute virtuali analizzando la relazione dinamica tra le monete virtuali, come il Bitcoin, e quelle a corso legale, e fornendo una valutazione su come le prime rappresentino nell’immediato un rischio per la stabilità monetaria, finanziaria o economica.

La ricerca ha fatto emergere che è molto improbabile che le valute virtuali possano sostituirsi o ridurre l’uso delle monete a corso legale esistenti. La speculazione che gira attorno alle monete virtuali infatti non permette di considerarle e di utilizzarle come mezzo di scambio, infatti il Bitcoin è utilizzato principalmente come un investimento di tipo speculativo. L’analisi empirica dei valori e dei conti (o wallet) del Bitcoin conferma i risultati teorici ovvero che la è utilizzata principalmente come investimento speculativo e non come mezzo di scambio.

I rendimenti del Bitcoin non sono correlati agli strumenti di investimento tradizionali (azionario, obbligazionario e commodities) sia nei periodi di normalità che di turbolenza finanziaria. Infatti non esiste alcuna correlazione tra Bitcoin e asset class tradizionali.

La principale preoccupazione, ovvero che le valute virtuali rappresentino un rischio macroeconomico immediato, non è una preoccupazione realistica. La struttura e la dimensione dei mercati della valute virtuali infatti non costituiscono un rischio per la stabilità monetaria, finanziaria o economica.

“Lo studio mostra come siano le monete tradizionali a scoraggiare l’utilizzo dei Bitcoin e non il contrario, come si crede comunemente. E’ lo stesso mercato del Bitcoin, il suo funzionamento e la sua dimensione, a impedire a questa valuta di divenire un effettivo mezzo di scambio” – afferma KiHoon Hong, Hongik University College of Business – “Un’altra evidenza è che il Bitcoin non ha praticamente impatto sulla stabilità finanziaria e monetaria. Tuttavia, se l’utilizzo del Bitcoin o di qualunque altra valuta virtuale dovesse crescere significativamente su scala globale, saranno necessarie riflessioni sul ruolo della politica monetaria. Le valute virtuali,essendo per natura decentralizzate e indipendenti, rendono difficoltosa la vigilanza da parte delle autorità”.

L’accettazione della moneta virtuale come valuta da parte della comunità finanziaria globale quindi non risulta un rischio fattibile nell’immediato.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This