#OpenStartup

SeeDoo: protocollo informatico e documentale open source

Pubblica Amministrazione e un ossimoro? Da anni si parla in Italia di amministrazione digitale, con annunci roboanti circa le PA senza carta che in teoria avrebbero dovuto materializzarsi il 12 agosto scorso, finché questa scadenza non è stata sospesa.

I flussi documentali cartacei dovrebbero trasformarsi in flussi digitali, con l’adozione di un protocollo informatico, nonché la riorganizzazione interna del personale. Nell’ambito dei software non sono mancati approcci e soluzioni a questa tematica: uno di questi, nato come evoluzione di e-Prot, è un protocollo informatico open mantenuto dall’azienda FlossLab, Seedoo, che oltre alle funzioni di protocollo informatico aggiunge la gestione documentale e l’analisi di dati.

L’idea

SeeDoo è una piattaforma software per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione – ci spiega Ilaria Mura, responsabile Marketing di FlossLab – rigorosamente Open Source, che nasce dalla collaborazione tra tre imprese: Flosslab, Innoviù e AgileBG. Le convergenza delle scelte strategiche delle tre aziende ha consentito di incontrarci nel momento giusto: stiamo vivendo una rivoluzione digitale importante e la normativa pubblica si sta finalmente adeguando a quello che il mercato richiede (e la tecnologia permette).  Tutte e tre veniamo da anni di lavoro nello sviluppo di soluzioni di gestione documentale e dei processi per la PA e le imprese. Tale esperienza è diventata la base nella definizione della mission di SeeDoo ovvero creare un’unica piattaforma modulare e personalizzabile per informatizzare gli enti pubblici, efficientare le procedure e ridurre gli sprechi: un sistema che possa gestire diverse funzionalità dal protocollo informatico alla gestione documentale, dallo scadenziario all’analisi dei dati, dalla fatturazione elettronica all’implementazione di processi ad hoc. Con lo spirito della condivisione della filosofia open source, abbiamo portato a fattor comune le competenze di tutti e collaborato per realizzare una piattaforma solida ed efficiente e per consentire la formazione di un vero e proprio ecosistema (imprese, professionisti, PA) secondo un approccio win-win.

L’azienda

Schermata 2016-08-09 alle 10.11.43

Giulio Concas e Michele Marchesi

Flosslab nasce nel 2007 come primo spin-off dell’Università di Cagliari, da un’intuizione di Giulio Concas e Michele Marchesi, provenienti dall’Agile Group (gruppo di ricerca sull’ingegneria del software e in particolare delle metodologie Agili e sul software Open Source).

I due professori – continua Ilaria – avevano l’obiettivo di portare sul mercato le soluzioni software avanzate create nel campo della ricerca scientifica e dare lavoro ai tanti ragazzi talentuosi che vedevano passare davanti alle loro cattedre. La loro intuizione è diventata una realtà consolidata: in questi 9 anni Flosslab è cresciuta notevolmente, oggi siamo circa 30 persone con una età media di 33 anni.

Il nome di Flosslab nasce proprio dalla filosofia del software libero (FLOSS = Free Libre Open Source Software) e l’azienda sviluppa software ad hoc per Pubblica Amministrazione e Imprese basati principalmente sul software libero. “Oltre al campo dell’e-government e della gestione documentale, in cui lavoriamo con SeeDoo, siamo specializzati nella gestione informatizzata dei processi, nella Business Intelligence e nello sviluppo di portali web, e-commerce e app mobile. Abbiamo poi un’area di business dedicata al mondo dei social media: gestiamo i canali social dei nostri clienti e ci occupiamo della sentiment analysis.

Flosslab partecipa attivamente al mondo open, non solo con lo sviluppo, ma anche sostenendo le community, promuovendo e partecipando più volte a Linux Day e ConfSL. “La filosofia open source e lo spirito di condivisione sono valori fondanti di Flosslab, che ricerchiamo in ogni persona che lavora con noi. L’attività nella community rappresenta una prova diretta del possedimento di questi requisiti valutati positivamente anche in fase di selezione del personale”.

Filosofia che l’azienda cerca di trasmettere anche ai propri clienti, come ci sottolinea Ilaria: “Ricerchiamo costantemente la completa adesione e condivisione del software libero nei nostri clienti. Spesso vedono e cercano nell’open source solamente un vantaggio economico o un obbligo per rispetto della normativa, mentre non è ancora abbastanza diffusa la conoscenza delle implicazioni positive e dei vantaggi derivanti dalle famose libertà del software open.

Il modello di business

L’azienda basa naturalmente il suo modello di business non sulla vendita di licenze, ma sull’offerta di servizi specialistici a supporto del software open source.

FlossLab ha scelto di adottare ed utilizzare quando possibile componenti Open Source, non tanto e non solo per beneficiare delle riduzioni dei costi di licenza, quanto per migliorare la qualità delle soluzioni e dei prodotti da fornire ai clienti, che possono raggiungere una indipendenza da specifici fornitori ed avere il totale controllo del proprio software. Approccio che ha dato i suoi frutti in brevissimi tempi: “Proprio qualche giorno fa ho ripreso in mano il primo Business Plan di Flosslab, quello che pianificava la sua nascita e i suoi primi anni di vita. Su questo Giulio e Michele non ci avevano preso: prevedevano di raggiungere il punto di pareggio dal secondo anno di attività e invece hanno chiuso il bilancio in positivo già dal primo anno.

Prossimi passi

Flosslab ha diversi progetti in cantiere per il prossimo futuro: “Stiamo andando bene, abbiamo diversi progetti in corso e, grazie alla costante collaborazione con la ricerca, cerchiamo di anticipare quello che il mercato si appresta a richiedere: in questo momento stiamo lavorando su importanti novità: per esempio sul campo della blockchain e delle criptovalute, su quello della sentiment analysis e su quello della realtà aumentata. I progetti e le persone sono dislocati tra le sedi di Cagliari (per la maggior parte), Pula e Roma; abbiamo chiuso il 2015 con un volume d’affari di quasi 1,4 milioni di euro”.

Antonio Faccioli

Antonio Faccioli

Libero professionista e amministratore delegato in un’azienda privata. Si occupa dal 1997 di software libero con particolare interesse per i linguaggi di sviluppo (Php e Python) ed i database. Dal 2009 promuove l’adozione dei programmi liberi all’interno delle pubbliche amministrazioni.
E’ socio LibreItalia, dove segue i progetti rivolti alle scuole, ed è membro di The Document Foundation, partecipando al gruppo italiano di traduzione.

Twitter LinkedIn 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This