Market

Quanto cresce il B2B?

Negli ultimi anni si è assistito a una evoluzione importante nel settore , con importanti tassi di crescita che hanno sfiorato il 20% annuo. Le aziende sul web risultano infatti presenti e a disposizione degli utenti h24, con lo sviluppo dell’ e di nuovi servizi di pagamento tramite smartphone e tablet che ha accentuato queste tendenze.

Frost & Sullivan prevedono che le vendite totali dell’e-commerce riferito al B2B arriveranno a raggiungere in tutto il mondo cifre come 6,7 miliardi di dollari entro il 2020, pari al 27% di tutte le vendite.

Schermata 2016-08-10 alle 16.21.47

Molte organizzazioni sono interessate a questo mercato e stanno cercando di capirne il possibile sviluppo. Questo è il momento giusto per cominciare a investire in maniera appropriata per raggiungere e convincere all’acquisto il proprio target di mercato.

Forrester Research anticipa che le vendite del settore B2B tramite e-commerce raggiungeranno 855 miliardi di dollari nel 2016, per un totale del 9,9% di tutte le transazioni del settore. Entro il 2020, il totale delle vendite negli Stati Uniti si prevede supererà 1,1 miliardi di dollari, oltre il 12% delle vendite totali.

Secondo l’indagine di Accenture/Blackstone Group, le vendite e-commerce rappresentavano meno del 10% delle vendite totali per la metà delle aziende B2B statunitensi e solo il 18,8% degli intervistati ha dichiarato di aver rilevato ricavi importanti dall’e-commerce. Ma quanto le aziende sono disposte a investire nell’e-commerce?

Fino ad ora gli investimenti in portali di acquisto e-commerce e simili sono stati fatti da aziende leader di mercato. Un sondaggio Accenture riguardante i dirigenti B2B in tutto il mondo ha rilevato che il 55% degli intervistati in aziende considerate leader nella customer experience hanno dichiarato che l’e-commerce è un investimento digitale che è risultato di fondamentale importanza per le vendite.

Schermata 2016-08-10 alle 16.21.12

Le altre aziende erano invece meno inclini a considerare importante l’e-commerce: solo il 36% dei “strivers” e il 17% dei “laggards” hanno detto che era un’importante area di investimento.

We’re still in the front end, in the early adopter phase. We’re not really in the mass market,” ha riferito Barr di Accenture. Il messaggio per le aziende è: “if they want to remain relevant, they have to change”.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This