Digital Trends

Tranquilli, ci pensa Word

Ma alla fine m’assetto papale
mi sbottono e mi leggo ‘o giornal
mi consiglio con don Raffae’
mi spiega che penso e bevimm’ò cafè.

(F. De André, M. Bubola, M. Pagani, Don Raffae’, 1990)

Le novità di in uscita a luglio sono state presentate in un post apparso il 26 (beh, tecnicamente siamo in tempo) sul blog ufficiale dedicato alla suite da ufficio di casa Microsoft. Tra queste troviamo alcune nuove funzioni per la gestione delle email in Outlook:

  • la funzione Focused Inbox, con cui se tu informi Outlook che alcuni tipi di email sono importanti, poi lui ti dirà che alcuni tipi di email sono importanti. “C’era già”, diranno i meglio informati. Infatti. Ma solo sulle versioni “mobile” iOS e Android (cioè praticamente per tutti tranne gli utenti di Microsoft Windows). Adesso è stata portata anche sulle versioni per Windows, per MacOS e sulla versione web, così almeno la gestione risulterà univoca e coerente sui diversi sistemi usati contemporaneamente. No, prima non lo era, evidentemente;
  • la funzione @mentions, con cui puoi complicare un po’ il testo della mail, aggiungendo il nome di qualcuno che vuoi aggiungere ai destinatari della mail. Tu nomini qualcuno, Outlook lo aggiunge ai destinatari. Ci sfugge il motivo per cui sarebbe più pratico che scrivere direttamente il suo indirizzo nel campo giusto della mail, ma è un problema nostro. “C’era già”, diranno i bene informati di prima. Infatti. Ma solo sulla versione web. Adesso l’avranno anche gli utenti Android, iOS. E pure gli utenti di Windows 10, che evidentemente sono sempre gli ultimi a sapere le cose.

Anche PowerPoint introduce una nuova funzione, denominata Zoom. Si tratta di una sorta di nuovo gestore delle transizioni che permetterà di passare da una slide all’altra in modo dinamico, fluido (hardware permettendo) e interattivo come se la platea stesse assistendo a un filmato. Tutto aiuta, anche se è noto che le transizioni non sono lo strumento più importante per rendere interessante una presentazione multimediale. I bene informati sanno che questa funzione non c’era già; e per ora sarà disponibile solo per i sottoscrittori del programma Office Insider, cioè i beta-tester volontari di Microsoft, che lo troveranno nella loro versione di Office 2016 per Windows. Tutti gli altri aspettino fino a nuovo post.

Le due novità più eclatanti, tuttavia, riguardano MS :

  • Researcher è uno strumento che permette di fare ricerche sul web utilizzando il motore di Bing senza uscire dall’applicazione, e di copiare e incollare automaticamente i risultati. Nessuno sbattimento né per la verifica della fondatezza dei contenuti, o del valore e dell’autorevolezza delle fonti: ci pensa Bing: l’ha detto Bing, dunque è vero. Zero preoccupazioni anche per la formattazione del testo e per la creazione della nota con il riferimento al link da cui è presa l’informazione inserita: ci pensa Word;
  • Editor (un nome originale: è come chiamare tuo figlio “bambino”) finisce, nelle intenzioni dei suoi inventori, il lavoro che Researcher ha iniziato, “vi assiste con i ritocchi finali”, recita l’articolo, suggerendo l’uso di parole più appropriate, correggendo la forma delle frasi “sulla base di funzioni di auto-apprendimento automatico e di elaborazione del linguaggio naturale, mescolate con input provenienti dal nostro team di linguisti”. Dunque intelligenza artificiale come se piovesse. In realtà l’ultima dimostrazione data da Microsoft in materia non pare abbia avuto grandissimo successo: Tay ha imparato soprattutto parolacce, per cui è il caso di consolarsi con Cortana che, se anche sbaglierà qualche risposta, almeno pare abbia imparato nuove barzellette.

Questi due nuovi strumenti, dunque, si occuperanno di cosa scrivere e come scriverlo. D’ora in poi ci pensa (letteralmente) Word. Qui dicono che “l’obiettivo [di Microsoft] è diventare leader dell’apprendimento e dell’e-learning” per farci “diventare scrittori migliori”.

Uno strumento che consiglia cosa e da dove copiare (le fonti più autorevoli, oppure gli inserzionisti più generosi?) per prendere un bel voto a scuola, un altro che cambia le parole consigliandoci come dobbiamo parlare, ad un tempo correttore ortografico, sintattico e semantico, lo stesso per tutti. Voialtri, che ancora credete che per scrivere di qualcosa bisogna studiare, documentarsi e conoscere; voialtri che ancora pensate che la lingua sia un arte da coltivare per tutta una vita; voialtri che sapete riconoscere l’autore di un pezzo dallo stile, dal lessico e dalle sue personalissime licenze grammaticali, rassegnatevi al progresso e andate a sentirvi l’ultima barzelletta di Cortana. Ammesso che ci sia ancora qualcosa da ridere.

Marco Alici

Marco Alici

Ingegnere meccanico, lavora come progettista presso la Videx. Affascinato dai computer fin da bambino, quando gli regalarono un Commodore 16, negli anni dell’università scopre Linux e il mondo del Software Libero e Open Source, dapprima come semplice utente, poi come convinto sostenitore. A metà strada tra la formazione tecnica e la passione informatica si inseriscono i suoi interessi nel mondo della computer-grafica e della stampa 3D. È vice-presidente del Fermo Linux Users Group e membro dell’associazione LibreItalia.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This