Market

Imprese: il Sud torna a crescere?

Dopo anni di trend negativi, il Mezzogiorno torna a crescere. Una vera e propria sorpresa che vede segnali di vitalità dal sistema imprenditoriale del Sud nel secondo trimestre dell’anno. Tra aprile e giugno, infatti, il Registro delle delle Camere di Commercio ha fatto registrare un incremento di 38mila unità, di cui 14.500 (il 38,1%) residenti al Sud. Un risultato che evidenzia come dal 2008 ad oggi la quota del saldo nazionale delle aziende del Sud è passata dal 29% al 38,1% del secondo trimestre di quest’anno.

Questo quanto emerge da una recente analisi condotta da Unioncamere – InfoCamere. I dati ottenuti mostrano un Sud più dinamico, con un tasso di crescita pari allo +0,73% negli ultimi due anni, contro lo 0,63% della media nazionale.

Gli italiani continuano a credere nell’impresa – commenta il Presidente di , Ivan Lo Belloe questo ci spinge a continuare a lavorare per rendere sempre più semplice, rapida e diffusa la scelta di creare un’attività. Anche i nostri dati, dopo quelli di ISTAT e Banca d’Italia, indicano segnali di vitalità’ da parte del Mezzogiorno. Queste energie vanno valorizzate, promosse e sostenute costruendo un ambiente favorevole per chi vuol fare impresa in Italia“.

Il Mezzogiorno migliora la propria performance rispetto al 2015. Contrariamente, le restanti macro-aree geografiche (Nord-Ovest) evidenziano una stabilità o un leggero indebolimento del tasso di crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Alla fine di giugno, infatti, le imprese iscritte al Registro delle imprese delle Camere di commercio ammontavano a 6.070.045 unità, delle quali 2.006.106 (esattamente un terzo del totale) localizzate nella circoscrizione Sud e Isole.

Schermata 2016-07-27 alle 13.34.33

In termini assoluti la regione con il miglior bilancio all’attivo è la Lombardia (5.759 imprese), seguita da Lazio (5.016), Campania (3.884), Sicilia (3.302) e Puglia (3.096). In termini percentuali, invece, la regione più dinamica è stata il Molise (+1,09% la crescita della base imprenditoriale), seguita da Basilicata (+1,06), Puglia (+0,82), Calabria (+0,81) e Lazio (+0,79).

Il settore che sembra aver registrato il saldo più consistente è quello del commercio (+8.924 imprese nel trimestre), seguito dalle attività dei servizi di alloggio e ristorazione (+6.052), agricoltura (+5.007), costruzioni (+3.055) e servizi alle imprese (+3.008).

In termini di forma giuridica societaria, la metà del saldo complessivo italiano è costituito da società di capitali (19.259 imprese in più, il 50,6% di tutto l’incremento registrato nel periodo), seguito dal saldo delle imprese individuali (+17.044 unità, per un tasso di crescita dello 0,53%, identico a quello dell’anno precedente), mentre rallenta lievemente quello delle forme cooperative e dei consorzi (+0,64 contro +0,82%), cresciute di 1.338 unità.

Schermata 2016-07-27 alle 13.17.54

Per quanto concerne l’ dipendente, i settori che sembrano aver creato più posti di lavoro sono stati i servizi alle imprese (188mila unità in più), i trasporti e magazzinaggio (+156mila) e la sanità e assistenza sociale (+132mila). All’opposto, le contrazioni più sensibili si registrano nelle costruzioni (358mila occupati dipendenti in meno), nell’industria manifatturiera (-155mila) e nelle attività artistiche e sportive (-53mila).

Le imprese del Mezzogiorno, grazie ad una crescita di oltre 12mila addetti, hanno contrastato la riduzione dei posti di lavoro in agricoltura (diminuiti complessivamente di quasi 4mila unità in cinque anni).

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This