La Bella Terra

Il male dei mali

Anni fa ebbi l’occasione di vedere questo video di , allora allenatore della nazionale italiana di pallavolo. Mi colpì profondamente. Se non l’aveste già fatto, vi invito a vederlo (dura soltanto otto minuti). Ricordate che nella pallavolo ci sono tre ruoli: i ricevitori (coloro che ricevono la palla battuta degli avversari), gli alzatori (che alzano la palla per la schiacciata) e gli schiacciatori (che cercano di schiacciare con la massima forza la palla nel campo avversario). Ricordate anche che quando lui allenava la nazionale italiana vincemmo quasi tutto, spesso battendo la nazionale russa (allora considerata fortissima). Sono piccole informazioni da tenere a mente per comprendere al meglio quello che dice.

Ripensando a tanti interventi e commenti sull’, nel pubblico come nel privato, trovo che quanto illustra Velasco, la cultura degli alibi, sia il principale problema che viviamo nel nostro Paese.

Dice Velasco:

Io non accetto che un giocatore mi dica che il problema è… e questo qualcosa non ha a che fare anche con se stesso.

E poi:

Palleggiatori che alzano con la palla perfetta ne trovo ventimila. Voglio vedere se ne trovo uno che alza anche con le palle brutte. Tu sei bravo se correggi l’errore della ricezione. Se no, non sei bravo.

Ora provate a ripensare a quello che troppo spesso si dice e vede sia nel pubblico che nel privato e… vedrete quanta ragione ha Velasco.

Alfonso Fuggetta

Dopo la laurea presso il Politecnico di Milano nel 1982, ha lavorato per una società di consulenza software dal 1980 al 1988, quando entra, come ricercatore senior, in CEFRIEL, azienda che promuove e sostiene l’innovazione nelle imprese e le amministrazioni pubbliche.
Professore associato presso il Politecnico di Milano, viene promosso a professore ordinario e, dopo aver ricoperto i ruoli di Vicedirettore e di Direttore Scientifico presso il CEFRIEL, nel 2005 ne viene nominato amministratore delegato.

Twitter LinkedIn 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This