News

Citrix: le 9 tendenze del futuro dell’IT

La sta cambiando il modo di fare impresa. La capacità di creare modelli di business innovativi e di interagire con clienti e dipendenti in modi nuovi rappresenta l’elemento discriminante per il successo o il fallimento di un’impresa. La tecnologia renderà le aziende libere di spingersi oltre i propri limiti in termini di produttività e innovazione, ma affinché questo avvenga sarà fondamentale aiutare le persone a comprendere il cambiamento in atto.

A questo proposito Citrix, società multinazionale che fornisce tecnologie per la virtualizzazione desktop e server, ha realizzato un documento volto ad illustrare quelle che saranno le tendenze del futuro dell’IT.

Ecco le 9 tendenze per il futuro:

  1. Le aziende entreranno nell’era Post-Mobile
    La tecnologia che permette di distribuire le App in modalità sicura si è estesa ad ogni tipologia di dispositivo. Tutto questo ci porta verso un’era denominata “Post-Mobile”, in cui il focus sarà sempre più sull’utente, circondato da un mix di dispositivi che vanno ben oltre l’idea di mobilità tradizionale.
  2. I manager definiranno e gestiranno in maniera sempre più autonoma le proprie strategie applicative
    La combinazione di approcci  DevOps, l’ecosistema collaborativo e piattaforme basate su Cloud, permetteranno ai manager di scegliere le App di cui hanno bisogno e di metterle a disposizione dei lavoratori. I software applicativi rappresenteranno l’elemento chiave per l’innovazione e la competitività aziendale.
  3. L’esperienza utente sarà più importante che mai
    Un driver fondamentale per la consumerizzazione dell’IT aziendale è la continua richiesta di App che siano facili da usare, indipendentemente dal dispositivo con cui vi si accede. La battaglia contro la cosiddetta Shadow IT (l’utilizzo di app e dispositivi non appropriati) è la chiara prova del fatto che se impiegati e dirigenti non ricevono dall’IT ciò di cui hanno bisogno cercano di averlo a modo loro e spesso non in modo sicuro. È chiaro che un’esperienza utente di livello elevato non sarà più un lusso, ma una vera e propria necessità per salvaguardare la sicurezza e non compromettere la produttività aziendale.
  4. Le aziende offriranno accesso sicuro ad applicazioni grafiche Linux di elevata potenza
    Grazie ai recenti progressi in termini di distribuzione di App e dati, gli ambienti applicativi e desktop Linux potranno essere distribuiti virtualmente. Oggi, infatti, è possibile accedere e visualizzare in maniera sicura disegni, planimetrie e cianografie e altri file su PC Windows e Mac accelerando i processi di approvazione e migliorando la collaborazione e al produttività dei team che utilizzano le app Linux.
  5. Le aziende distribuiranno risorse applicative e desktop da infrastrutture basate su Cloud o ibride
    In questo modo le più grandi organizzazioni potranno gestire efficacemente applicazioni e dati  installati su infrastrutture on-premise, espandendo e spostando i carichi di lavoro su Cloud, per un ambiente sicuro, ibrido e gestito centralmente. Questo approccio renderà gli IT manager liberi di migrare le App e i dati al Cloud che preferiscono restando, allo stesso, in conformità con la regolamentazione internazionale per la protezione della privacy.
  6. Razionare il deployment e gestire le applicazioni Devops e AppOps
    Proprio come DevOps sta creando un ciclo di vita automatizzato tra lo sviluppo del software e le operazioni IT, AppOps diventerà il modo in cui creare un ciclo di vita automatizzato capace di razionalizzare il deployment e la gestione delle applicazioni, rendendo l’IT in grado di valutare, rendere sicure, distribuire e gestire nuove applicazioni SaaS con l’agilità che ora si richiede ai manager di linea.
  7. La migrazione a Windows 10 sarà più veloce
    Tale processo verrà incoraggiato dall’offerta di Microsoft di una migrazione gratuita ai client di Windows 7, insieme alla domanda di un’alternativa migliore a Windows 8.
  8. La sicurezza e l’esperienza utente saranno le priorità delle aziende nel prossimo futuro
    La sicurezza IT si focalizzerà sempre di più sulle transazioni dei dati piuttosto che sui dispositivi, proteggendo l’informazione proprietaria e migliorando il più possibile l’esperienza utente in modo da prevenire la Shadow IT.
  9. La bolla dell’Internet of Things comincerà a sgonfiarsi
    Dopo diversi anni di crescente euforia, sta emergendo una certa stanchezza nei confronti dell’, che ha iniziato a funzionare a dovere solo in determinati settori come nella sanità, nella gestione degli inventari e nell’ufficio smart. Come risultato le previsioni fantasiose legate all’ lasceranno spazio solo a quelle applicazioni che saranno capaci di produrre valore reale per il business.

 

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This