Focus

13 errori da non commettere nell’eMail Marketing

Una varietà di tattiche e strumenti sono disponibili per perseguire gli obiettivi di , ognuna con sue finalità specifiche e i suoi punti di forza. Nel contesto dinamico del Web 2.0, dove nuove applicazioni e piattaforme nascono ogni settimana, dove i comportamenti e i bisogni degli utenti/clienti mutano nel tempo, anche tali tattiche e strumenti devono essere variegati, dinamici, flessibili e agili.

 

In ogni caso, ci deve essere trasmissione di contenuti verso l’utente/cliente che devono promuovere valore da condividere, mediare, arricchire e sviluppare in maniera partecipativa e congiunta. Ma quali sono le  di digital marketing?

Schermata 2016-07-04 alle 11.15.18

Partiamo da quello che, secondo Gigaom Research, è lo strumento di digital marketing più usato: l’.

Secondo il report di Clickpoint, relativo all’utenza registrata tra settembre 2015 e maggio 2016, gli utenti che si registrano di più sono di sesso maschile, tra i 30 e i 50 anni, con un picco tra 38-43 anni. I giorni infrasettimanali (tra mercoledì e venerdì) risultano, secondo lo stesso rapporto, come i migliori per l’invio di Dem.

Estremamente economica e personalizzabile, l’email consente di raggiungere segmenti specifici di utenza e la sua efficacia può essere facilmente misurata. Si basa sul raggiungimento di un vasto numero massimo di persone dalle quali poter ricevere attenzione e feedback ma che non devono percepire l’attività come una fastidiosa azione di spam. L’email marketing è sicuramente uno strumento adatto alla creazione di valore e alla costruzione di relazioni, con clienti esistenti e potenziali, ma meglio evitare alcune specifiche worst practices:

  1. Inviare email senza avere preventivamente acquisito il consenso dei destinatari (opt-in), attraverso una qualche azione esplicita e informata, per esempio una registrazione in un sito web (peraltro è una violazione della legge)
  2. Utilizzare liste di indirizzi email predisposte da altri, per esempio recuperate su internet in modo fraudolento o acquistate, anche se dichiarate opt-in
  3. Non prevedere un meccanismo esplicito di disdetta del servizio di mailing che sia semplice e immediato
  4. Non inserire l’informativa sulla privacy e sul trattamento dei dati personali
  5. Essere assillanti, inviare email troppo frequenti
  6. Fare solo (o troppo frequentemente) pubblicità e proposte commerciali
  7. Non fornire informazioni utili, rilevanti, chiare, che siano di valore per i destinatari
  8. Scrivere male, con errori grammaticali, con sintassi povera o troppo complessa, che possa rendere difficile la comprensione del testo
  9. Omettere i riferimenti chiari e completi del mittente
  10. Non personalizzare il messaggio
  11. Omettere o non rendere chiaro e facilmente comprensibile l’oggetto della email, che spesso è prerequisito affinché il destinatario proceda alla lettura del testo
  12. Allegare file, specialmente se grandi, a meno che non esplicitamente richiesti
  13. Eccedere con le immagini nella email.

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This