Best Practice

iGaranti e la rivoluzione del #MobileBanking

piggy-at-computer-shows-investment-growth-banking_zy91RQP_-min

Il è ormai al centro delle strategie dei principali istituti di credito mondiali che sono consapevoli di dover offrire soluzioni compatibili con il moderno stile di vita dei clienti, offrendo soluzioni a portata di touch. Tuttavia, molte banche non sono riuscite a sfruttare appieno il potenziale del mobile e a implementare il coinvolgimento degli utenti con soluzioni dedicate.

Il caso App iGaranti, ottima applicazine ideate dalla Banca turca Garanti, è l’esempio di come l’unione tra e social network possa fare la differenza nell’esperienza utente oltre che nella costruzione di servizi bancari “su misura”.

Il mercato di riferimento

Il successo di è tutt’altro che casuale. L’applicazione, lanciata nel maggio 2013, è il frutto di approfondite ricerche sull’utenza di riferimento, sulla base delle quali la banca ha completamente ripensato la propria offerta di mobile banking.

La Turchia ha una popolazione di 74,7 milioni di persone, il 60% delle quali ha un’età compresa tra i 15 e i 54 anni. Inoltre, 35 milioni di turchi hanno accesso a Internet (5° Paese in Europa) con il 65,8% che ha un abbonamento mobile. Riguardo i social network, la Turchia si posiziona al quarto posto nel mondo per utilizzo di Facebook.

Garanti, supportata da Fjord – design agency acquisita da Accenture – ha dunque compreso come anche le esigenze in ambito bancario dei clienti si stiano evolvendo di pari passo al mondo iperconnesso di oggi ed ha deciso di adottare un approccio user-centered. IGaranti, infatti, si basa su una strategia di coinvolgimento digitale multi-canale degli utenti: per mezzo dell’integrazione tra canale bancario e social network i clienti hanno la possibilità di effettuare pagamenti con lo smartphone anche per mezzo dei social network, ricevere offerte personalizzate in base alla geolocalizzazione, gestire le proprie finanze in maniera personalizzata e tanto altro.

Come funziona

L’App iGaranti è costruita intorno ad una serie di 23 applicazioni liberamente implementabili e personalizzabili da parte dell’utente, che può costruire il proprio servizio bancario su misura aggiungendo ed eliminando i widget a piacimento, proprio come farebbe su desktop o tablet.

L’integrazione con i social network e la facilità di effettuare pagamenti per mezzo dello smartphone rappresenta il vero valore aggiunto di iGaranti. La profonda integrazione con Facebook, Twitter e Foursquare, consente ai clienti di inviare per mezzo dell’App pagamenti sicuri ad amici via Facebook, ottenere consigli sulla base della propria storia d’acquisto e persino ricevere offerte commerciali in tempo reale location-based ossia legate alla posizione registrata dallo smartphone.

IGaranti integra, inoltre, un portafoglio virtuale in grado di memorizzare tutte le carte di credito e debito dell’utente per effettuare pagamenti mobili senza l’ausilio di altri dispositivi, oltreché ogni genere di carta e ticket posseduto dall’utente come la patente di guida, le carte fedeltà e i biglietti per gli eventi.

Il lancio del servizio iGaranti ha ricevuto un feedback molto positivo da parte dei clienti e degli operatori del settore digitale. Ad oggi 100.000 clienti hanno scaricato l’App con oltre 75.000 utenti attivi.

Le applicazioni più popolari sono il Moneybar, che consente ai clienti di visualizzare le previsioni di spesa, transazioni, le offerte intelligenti e social network. Ciò conferma ancora una volta come l’integrazione del classico servizio di home banking con i social media ed i nuovi strumenti digitali sia fortemente richiesta ed utilizzata dagli utenti.

Infatti, il risultato raggiunto da Garanti nel settore del mobile payement è davvero importante: il 45% di tutte le transazioni tramite dispositivi mobili in Turchia sono effettuate da clienti Garanti e l’80% di tutte le operazioni bancarie di Garanti avviene per mezzo dei canali digitali.

Lesson Learned

Garanti Bank è l’esempio di come non sempre la dimensione delle imprese e l’entità degli investimenti siano determinanti per la creazione di soluzioni innovative. IGaranti ha dimostrato che il futuro del settore bancario sarà dominato da banche capaci di fondere competenze finanziarie e tecnologia al fine di offrire servizi di mobile payment più accessibili, immediati e compatibili con lo stile di vita digitale.

Giorgio Romeo

Giorgio Romeo

Classe ’86. Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e un Master in Management dei Sistemi Informativi, coltivando sempre la passione per la tecnologia, i social media e la grafica.
Nel 2013 ha ottenuto l’abilitazione all’esercizio della professione forense e ha lavorato come avvocato occupandosi di diritto delle nuove tecnologie e pubblica amministrazione digitale.
Attualmente fornisce consulenza a startup e aziende in materia di diritto di internet, privacy, diritto d’autore e social media.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This