Focus

Digital Today Unicredit: la banca avvicina i cittadini al digitale

DigitalToday

Si chiama , si svolgerà il prossimo 15 giugno in 15 grandi stabili e 800 distretti in Italia, coinvolgerà circa 1 milione di cittadini e mille dipendenti con il ruolo di digital ambassador e sarà un evento finalizzato a presentare ai cittadini le innovazioni in termini di servizi e prodotti. Un primo appuntamento, annunciato oggi durante la conferenza “Digitali per crescere” da Paolo Fiorentino, ViceDirettore Generale di UniCredit, e Gabriele Piccini, Country Chairman Italy dell’Istituto, che dà l’opportunità alla banca, che sta diventando sempre più digitale per mantenere la sua competitività, di mostrare come l’utilizzo di tecnologie avanzate e soluzioni innovative a disposizione di un numero sempre maggiore di persone stiano trasformando il modo di fare banca.

La nuova strategia di trasformazione digitale di UniCredit è parte integrante del Piano Strategico approvato nel novembre dello scorso anno che prevede un’accelerazione della trasformazione digitale della banca multicanale retail e, in secondo luogo, la costruzione del futuro modello di business digitale. La digital transformation permetterà alla banca di mantenere un alto livello di servizio, con un’elevata efficacia commerciale consentendo, al contempo, un efficientamento dell’organizzazione. Il tutto con l’obiettivo non di sostituirsi alla relazione personale con i clienti, ma di rafforzarla, offrendo loro la possibilità di personalizzare le interazioni  con la banca anche su nuovi canali di contatto (chat, video consulenza, firma remota, ecc.).

“Oggi UniCredit in Europa conta quasi 10 milioni e mezzo di clienti su  internet banking e oltre 4 milioni su mobile – ha dichiarato Paolo Fiorentino – e ha l’obiettivo di raggiungerne 16 milioni online e oltre 11 milioni mobile nei prossimi tre anni. Si tratta di un cambiamento radicale per la Banca che per affrontare questa nuova sfida investirà 1,2 miliardi di euro nel triennio 2016-2018 proprio sulla digitalizzazione. Il Piano Strategico si propone di portare UniCredit su un percorso di cambiamenti strutturali e di trasformazione del modo di fare banca. Oggi esprimiamo una leadership nelle nostre soluzioni digitali che vogliamo mantenere e su cui vogliamo continuare a investire. Intendiamo migliorare il nostro modello di business per aumentare qualità e velocità dei servizi e offrire una coinvolgente  customer experience. Grazie ai continui investimenti in digitalizzazione, UniCredit migliorerà il time-to-market di prodotti e servizi, ottimizzando i costi a favore dei clienti,  e aumenterà l’efficacia commerciale, portando la quota di prodotti di base venduti direttamente attraverso canali digitali dall’attuale 15% al 25% nel 2018. In UniCredit già oggi l’88% delle transazioni avviene su canali remoti e l’obiettivo è arrivare al 90% entro il 2018”.

Il percorso di innovazione di UniCredit in Italia ha già raccolto negli ultimi anni alcuni importanti successi: è stata completata la copertura del parco ATM con Bancosmart, che consente, oltre al prelievo in pochi secondi, il versamento di contanti e assegni e oltre 150 servizi di pagamento, nazionali e locali, georeferenziati per regione; è inoltre disponibile in tutte le filiali italiane FirmaMia, primo servizio di firma basato su autenticazione grafometrica tramite Signpad per la sottoscrizione dei contratti.

Sul piano globale, UniCredit sta affrontando il processo di digitalizzazione aprendosi ad un network di innovatori, le cosidette Fintech, con cui integrerà i sistemi e le competenze per aumentare la velocità della propria trasformazione digitale. In questo contesto, UniCredit e il Gruppo Anthemis (società di investimento e di consulenza focalizzata nel ridisegnare servizi finanziari) hanno promosso una nuova partnership tramite la costituzione di un nuovo fondo di investimento (UniCredit EVO – Equity Venture Opportunities) che ha l’obiettivo di identificare le migliori opportunità di investimento sia in società fintech già consolidate che in start-up di nuova costituzione. Attraverso tale investimento, UniCredit avrà la possibilità di ricercare nuove soluzioni fintech che possano essere utilizzate per innovare l’attività bancaria del Gruppo. L’impegno iniziale previsto è pari a 175 milioni di euro, che si affianca all’impegno di UniCredit ad investire 25 milioni di euro nel fondo “Anthemis Venture Fund I” già costituito da Anthemis. La partnership è stata annunciata il 23 marzo e ad oggi il fondo ha già realizzato il suo primo investimento nella società statunitense TROV.

“In Italia contiamo quasi 3 milioni di clienti attivi online e 1,2 milioni utilizzatori mobile – ha affermato Gabriele Piccini – Ciò equivale al 16% del totale clientela, rispetto a una media italiana che si aggira intorno all’11%. Il nostro obiettivo è di salire al 22% entro il 2018. La sfida si concretizza non soltanto sull’implementazione del profilo tecnologico della banca digitale, ma soprattutto sul mantenere un forte e intenso rapporto con i clienti, in un’epoca di grandi innovazioni e di profondi cambiamenti dei modelli di vita. Le nuove tecnologie e i nuovi bisogni delle persone, che chiedono semplicità e velocità, rendono prioritario ricercare modelli di servizio al passo coi tempi, in grado di aumentare l’efficienza, favorire la riduzione della burocrazia e accrescere il tempo a contatto con la clientela”.

Nel corso dell’incontro, sono stati anche illustrati prodotti e servizi innovativi, alcuni dei quali già a disposizione della clientela come l’app , grazie alla quale è possibile gestire l’operatività sul conto; Monhey, la nuova App di mobile payments che consentirà, con il semplice fingerprint, di pagare online senza digitare le 16 cifre della carta di credito e nei negozi avvicinando lo smartphone al POS; Subito Banca Store Online, il marketplace UniCredit, con oltre 50 brand e 5mila prodotti da comprare on line; My Business Manager,  strumento di analisi del business per le PMI; My Business View, strumento di analisi per esercenti dotati di POS, per conoscere in forma aggregata e anonima, grazie all’utilizzo dei big data, il comportamento dei propri clienti, le modalità di spesa  media e l’andamento dei concorrenti sul territorio.

Ultima novità UniCredit è buddybank, la nuova banca “molecolare”, che sarà attiva dal primo gennaio 2017, disegnata esclusivamente per smartphone. Offrirà 3 prodotti finanziari (conti correnti modulari, carte di credito/debito innovative e prestiti istantanei e contestuali) ed un servizio di concierge (paragonabile a quello dei grandi alberghi) disponibile via chat telefonica e via telefono 24 ore al giorno 7 giorni su 7. Le attività previste per il lancio della banca sono in corso: la richiesta di autorizzazione alla Banca d’Italia è già stata inviata, è stata firmata una partnership con Mastercard e si sta lavorando in collaborazione con IBM sulla piattaforma di core banking. Buddybank prevede di raccogliere 1 mln di clienti in Italia in 5 anni, con un break-even atteso al terzo anno, con 300 mila clienti.

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This