TEDTalks

TED nelle scuole italiane: quali opportunità?

tedxassisi

Il 3 marzo scorso il , rappresentato dal ministro Stefania Giannini, ha siglato un accordo con , nella persona di Bruno Giussani, coordinatore dell’evento Global. Cosa comporterà il protocollo e perché potrebbe rappresentare una buona opportunità per i ragazzi?

Cominciamo con il precisare cos’è il TED

  • Un’organizzazione no profit: prima edizione nel 1984, parte come una conferenza in cui tecnologia, intrattenimento e design convergevano, ha creato una piattaforma per le “idee che meritano di essere diffuse” – “ideas worth spreading“, toccando gli ambiti più disparati.
  • Un evento globale con cadenza annuale: TED riunisce grandi pensatori e attuatori del mondo per condividere idee all’avanguardia in ogni disciplina: tecnologia, divertimento, scienza, design, discipline umanistiche, affari e sviluppo, in più di 100 lingue.

Nel tempo hanno parlato personaggi del calibro di Bill Clinton, Al Gore, Jeff Bezos (Mr. Amazon), Jane Goodall, Bono Vox, Bill Gates, Isabelle Allende, il co-fondatore di Wikipedia Jimmy Wales e i co-fondatori di Google, Sergey Brin e Larry Page.

I TED Talks, questo il nome dei particolari interventi tenuti dagli speaker, sono stati tradotti in più di 80 lingue (tra cui l’italiano) grazie al programma “TED Open Translation”; ogni intervento è disponibile su TED.com in lingua originale e sottotitolata.

Quali le opportunità dell’accordo MIUR-TED?

L’accordo sottoscritto ha lo scopo di mettere gli studenti italiani in condizione di presentare i propri progetti tramite un consolidato e soprattutto universale metodo di “public speaking”.

Lo strumento idoneo a raggiungere il risultato si chiama TED-Ed Club, un percorso formativo non obbligatorio che punta a insegnare ai ragazzi e alle ragazze a esprimersi correttamente in pubblico, sia in italiano che in inglese. Il modo corretto di esprimersi esalta al massimo le capacità linguistiche insegnando a esprimersi con chiarezza ed efficacia sia in ambito scolastico che professionale.

Il punto è che il metodo proposto da TED è universalmente conosciuto e accettato, così lo studente di Sidney utilizza lo stesso strumento di apprendimento di quello di Rio o di Napoli, stabilendo di fatto uno standard di comunicazione globale. In quest’ottica i nostri studenti potranno competere ad armi pari con i pari grado di tutto il mondo, almeno sul piano dell’esposizione, mentre per i contenuti non abbiamo mai avuto paura di confrontarci con gli altri, non cominceremo ora.

Tecnicamente l’accordo diverrà operativo con TEDxYouth@Bologna2016, rivolto a tutti gli studenti italiani delle scuole secondarie di 2° grado che potranno candidarsi a esporre le proprie idee attraverso un talk in 11 diverse categorie: sostenibilità, informatica, sport, scienze, musica, arte, matematica, pensiero critico, start-up/idee imprenditoriali, tecnologia, “X” (categoria libera).
Saranno selezionati 11 finalisti, in parte tramite web, in parte attraverso una giuria qualificata.

Il 12 novembre 2016 saliranno sul palco di TEDxYouth@Bologna 2016, in contemporanea con numerosi altri eventi TEDxYouth in tutto il mondo e vedremo se varrà la pena di condividere le loro idee.

In quanti conoscono TED?

Il 5 novembre dello scorso anno ho organizzato il primo in Umbria, TEDxAssisi, evento che è riuscito a coinvolgere un buon numero di persone, tanto offline, quanto online.

Il TEDx può essere considerato una versione localizzata di TED, che ne segue pedissequamente le regole e che viene organizzato intorno a un tema portante che nel caso di Assisi era #BackToSimplicity.

L’evento è stato abbondantemente promosso attraverso i canali social e web, ma ho cercato di utilizzare anche strumenti più tradizionali, quali conferenza stampa e giornali locali per far conoscere un format poco diffuso in Umbria, ma è all’Università che pensavo di trovare il mio miglior interlocutore, invece…

Ospitato all’Università per Stranieri di Perugia, ho parlato a circa 100 studenti del corso di Comunicazione pubblicitaria e alla domanda: “Qualcuno di voi conosce TED”, ho ricevuto una sola risposta affermativa, 1 su 100.

Inizialmente sono rimasto sorpreso e infastidito, trovando assurdo che un evento di tale importanza non fosse minimamente conosciuto dagli studenti, ma pensandoci bene avevano ragione loro.

Superare i limiti della rete sociale

TED è arrivato sugli schermi dei computer attraverso Youtube. Le persone, in età adulta, hanno incominciato a gradire i contenuti e hanno iniziato a condividerli con i social media a loro disposizione. Il pubblico di riferimento iniziale non era certo in età scolare e una volta iniziata la disseminazione si è avuta l’impressione che le persone che stavano in rete avesse riconosciuto TED come punto fermo dell’innovazione, ma si trattava solo di un’illusione.

La colpa è della nostra percezione dei social network: siamo convinti di far parte di reti sociali globali, quando invece le nostre cerchie di conoscenze sono assai ridotte e assolutamente divise in fasce d’età. Facilissimo verificare che tra i migliaia di contatti che abbiamo non compare quasi nessun ventenne, semplicemente perché i ventenni appartengono ad altre cerchie di conoscenza e interessi. Interessi che non si incontrano quasi mai con i nostri, TED incluso.

La mia opinione è che l’accordo tra TED e scuola porterà gli studenti a conoscenza di un grande bacino d’informazione e innovazione che tutto il mondo già possiede e lo farà attraverso il programma scolastico. Questo è secondo me il reale valore del protocollo d’intesa.

Matteo Piselli

Matteo Piselli

Curatore di TEDxAssisi, è consulente digitale e formatore. È Responsabile della comunicazione di Fuseum per pura passione e partecipa a tutti gli eventi che portano innovazione nel suo territorio. Inguaribile esploratore, ha sempre la testa sul progetto futuro, prima ancora di completare quello presente.

Facebook Twitter LinkedIn 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This