Community Open

Community Ninux: istruzioni per l’uso

community

La che presentiamo oggi è sicuramente meno conosciuta di altre. Il suo nome è Ninux ed ha come obiettivo la creazione di una rete di telecomunicazione libera attraverso la realizzazione di collegamenti tramite la condivisione delle proprie risorse come accesso ad , spazio su disco o altri servizi di comunicazione.

Come funziona Ninux?

In Ninux viene creata una rete interna libera da ogni controllo ma molto veloce e allo stesso tempo gratuita per la condivisione di dati anche a lunga distanza tra una città e l’altra. Lo scopo non è solo di coprire una rete nazionale ma diventare una rete mondiale che consente accesso libero ad Internet collegando le diverse città. Tutto ovviamente in modo legale e sicuro.

Che ruolo ha la community?
La community Ninux promuove e aiuta la costituzione di gruppi che, con i loro nodi, che si aggiungono agli altri nella rete al fine di potenziarla. Un nodo è un insieme di hardware e software (solitamente un’antenna) che “rimbalza” il segnale e che consente ai vari dispositivi di accedere alla rete.
La community Ninux, 100% italiana, comunica tramite mailing list ed è collegata con altre community internazionali al fine di espandere la propria rete. A livello italiano ci sono attivi al momento 353 nodi e 2231 potenziali: la cartina mostra infatti la totale copertura del nostro Paese, isole comprese.
A livello locale i membri Ninux fanno parte di hacklab o makerspace, aiutano nel montaggio dei nodi in modo autonomo per cui ogni gruppo utilizza tecnologie diverse. Come OpenStreetMap questa rete è stata utile anche in situazioni di emergenza mettendo a disposizione collegamento alla rete mentre la linea nazionale aveva problemi.

Perché entrare in Ninux?
Oltre alla possibilità di avere une rete aggiuntiva esterna a quella di casa o ufficio, ci sono diversi servizi offerti dai singoli membri:

  • server VOIP a disposizione, condivisione di documenti o DNS;
  • JukeBox, server di gioco e condivisione di file.

Facendo parte di Ninux si acconsente il libero transito dei dati. Il servizio non è garantito visto che la rete è gestita da volontari.

Ci sono aziende private che contribuiscono? 
Alcuni operatori di telecomunicazione permettono il transito sulla loro rete e sostengono il progetto Ninux principalmente al fine di condividere conoscenze tecniche e attivare collaborazioni oltre che per sperimentare una nuova modalità di fare rete.

5 errori da evitare nell’approcciarsi alla community

  • Non ignorare il wiki perché contiene molte delle risponde alle domande che si vogliono porre
  • Non farsi spaventare da questioni tecniche
  • Entrare a farne parte pensando che sia solo un modo per avere Internet gratuitamente
  • Non seguire la netiquette in mailing list
  • Dimenticare che i partecipanti alla community sono volontari (e che non si può pertanto pretendere servizi)

3 dritte per contribuire al progetto

  • Fare delle foto del tetto al fine di trovare il punto migliore dove posizionare il futuro nodo
  • Iscrivere il proprio nodo potenziale sul mapserver rendendosi disponibili
  • Partecipare alle riunioni dei gruppi Ninux locali

Perché entrare a far parte del progetto?
Per costruire una rete alternativa libera che permette di accedere ai dati in modo meno controllato e più veloce oltre che per acquisire competenze dagli scambi con i membri della community

Daniele Scasciafratte

Daniele Scasciafratte

Nato nel 1990, si ritiene un Open Source Evangelist oltre che contributor e traduttore, lo si puó trovare in molte community come Mozilla, WordPress, LibreItalia o Debian.
Nella vita di tutti giorni é un Full Stack Developer per la sua Web Agency romana Codeat.
Nel 2015 è diventato Mozilla Reps per l’Italia e organizza e partecipa a molti eventi come relatore per l’Italia, inoltre è Vice Presidente di Associazione Italiana dell’Industria del Software Libero, articolista per il network AndMore (HTML5AndMore.info e WPAndMore.info) e per ChimeraRevo.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This