Market & Business

Fitbit ancora prima nel mercato #wearable, avanzano Apple e Xiaomi

wearable

Fitbit è ancora al vertice delle vendite : lo conferma un recente rapporto di IDC che sostiene che la società di James Park è ancora leader del mercato, ma la società di ricerca precisa anche che Xiaomi sta guadagnando molto terreno e nel prossimo futuro potrebbe seriamente puntare alla vetta.

In dettaglio, Fitbit è riuscita a spedire circa 21 milioni di dispositivi nel 2015, una crescita del 93,2% rispetto al 2014 in cui aveva spedito “solo” 10,9 milioni di unità. In termini relativi però, la società ha perso quote di mercato nonostante il raddoppio delle vendite: per comprendere il motivo basta guardare alle spedizioni dei wearable di Xiaomi che ha visto un incremento complessivo del 1000%, posizionandosi nella classifica immediatamente al di sopra di Apple, Garmin e Samsung.

Secondo TechCrunch, Fitbit sa da tempo che la sua posizione in vetta ha i giorni contati perché fin dal suo lancio il vantaggio competitivo che aveva conquistato si è eroso sempre di più. L’azienda agli inizi rappresentava quasi i tre quarti del mercato globale dei wearable, ma con l’aumento dei device e dei competitor le cose sono diventate più difficili. La stessa società nella sua ultima dichiarazione sui guadagni ha dichiarato di aver avuto un anno eccezionale, ma il futuro potrebbe essere non così semplice. Questa dichiarazione, seppur lungimirante e onesta, ha causato un crollo significativo del valore delle azioni.

Anche Apple ha registrato un boom con il suo smartwatch e, nonostante il prezzo sia ben sopra la media, è riuscita a guadagnare il 14,9% della quota di mercato in tutto il mondo; le vendite dei wearable Samsung invece sono praticamente piatte, senza incrementi significativi dal 2014 al 2015 (la società coreana ha venduto infatti circa 3,1 milioni di device, contro i 2,7 dell’anno precedente).

Quello dei wearable è un mercato in crescita: Gartner prevede che nel 2016 il numero di wearable device venduti in tutto il mondo sarà circa di 274,6 milioni di unità: una cifra in netto aumento (+ 18,4%) rispetto alle 230 milioni di unità vendute nel corso del 2015. In generale, durante il nuovo anno, le vendite dei wearable produrranno un fatturato stimato di circa 28,7 miliardi di dollari: di questi, 11,5 miliardi arriveranno esclusivamente dagli smartwatch.

Il 2016 quindi sarà un anno difficile per FitBit che dovrà confrontarsi con Apple, ma anche e soprattutto con Xiaomi che sul mercato sta crescendo a dir poco velocemente.

Eugenio Maddalena

Eugenio Maddalena

Consulente di comunicazione digitale e formatore, è appassionato delle dinamiche che riguardano l’impatto delle nuove culture digitali all’interno della società, dal business alla politica. Nasce nel 1987, anno in cui si sono sciolti gli Smiths e sono nati i Nirvana.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This