Mobile Payment

#MobilePayment: arriva in India la piattaforma UPI che connette app di banche diverse

mobile phone

Potrebbe vedere la luce entro i prossimi mesi, in , una nuova piattaforma che supporta il dialogo tra mobile wallet di operatori diversi: si tratta della Unified Payments Interface (), una piattaforma open source per il trasferimento di fondi mobile-to-mobile senza la necessità di avere dettagli su utenti e clienti. Il numero di telefono, o una e-mail o qualunque altro nome univoco scelto dal titolare dell’account sarà connesso, quindi identificherà, il conto corrente bancario della persona e la piattaforma NPCI  darà alle banche la tecnologia necessaria per completare le transazioni basandosi solo su tali identificativi.

Una probabile disruption per il mercato indiano che faciliterà le transazioni tra app di banche differenti con la garanzia dell’interoperabilità. “Al momento i mobile wallet non sono interoperabili. Non si possono fare pagamenti tra gli uni e gli altri. Ma con la piattaforma UPI questo sarà possibile” ha spiegato Nandan Nilekani, ex presidente della Unique Identification Authority indiana, al Times of India ma tra due mesi, il tempo stimato per il lancio del sistema, le cose potrebbero cambiare.

Presentata ufficialmente a luglio dello scorso anno, UPI  potrebbe essere una svolta per il mercato indiano, perché a differenza di altre piattaforme concorrenti, è promosso dalla National Payments Corporation of India che è di proprietà delle banche e funziona come una cooperativa. NPCI ha anche pensato di rendere UPI in modalità open source, in modo che possa essere messa a disposizione di tutte le banche. Ciò significa che mentre gli istituti progettano le proprie app, queste potranno essere strutturate in modo da comunicare con le applicazioni di altre banche.

L’iniziativa indiana non è l’unica che mira a permettere alle banche di offrire sistemi di pagamento mobile sicuri, veloci e che velocizzino operazioni di pagamenti e trasferimento di denaro tra correntisti di banche diverse. Jiffy, ad esempio, è un servizio promosso da Sia e a cui hanno aderito diverse grandi banche italiane, che permette il trasferimento  di denaro in real time attraverso il numero di telefono del beneficiario. Il pagamento può avvenire tra clienti della stessa banca oppure tra clienti di banche diverse. Al momento sono 13 le banche che fanno parte del sistema Jiffy tra cui Banca Mediolanum con il suo  Mediolanum Wallet. 

 

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This