Market & Business

Alibaba: prevista una crescita trimestrale più debole, si avvicina JD.com

alibaba

Il gigante dell’e-commerce cinese sta per registrare la sua crescita trimestrale più debole in assoluto da quando l’azienda ha cominciato a rilasciare pubblicamente i propri dati, circa tre anni e mezzo fa; si tratta di una proiezione di Thomson Reuters e gli analisti dicono che il risultato riaccenderà la competizione con il suo competitor principale, .

In realtà la situazione è difficile anche per il suo competitor JD.com: si prevede un’espansione dei guadagni per una fascia percentuale che oscilla “solo” tra il 47% e il 51%. Anche in questo caso, si tratta del tasso di crescita più lento da quando l’azienda ha cominciato a rilasciare pubblicamente i propri dati di fatturato.

Alibaba e JD.com hanno rifiutato di commentare, ma Brian Buchwald, amministratore delegato della società di intelligence che indaga sul comportamento dei consumatori, Bomoda, ha dicharato: “quando il mercato comincia a rallentare si inizia a capire chi sono i veri vincitori e chi invece ha perso”. Secondo l’analista, i due colossi dovrebbero cominciare a prestare più attenzione agli effetti della concorrenza.

A giocare un ruolo centrale, però, è anche il contesto economico che ha registrato nel corso dell’anno una serie di difficoltà: l’economia cinese durante l’anno appena concluso ha infatti conosciuto la crescita più lenta degli ultimi venticinque anni e JD.com ha subìto di meno il colpo del rallentamento generale perché si è concentrata verso i consumatori più benestanti delle grandi città.

La crescita lenta di Alibaba è accompagnata da una serie di investimenti annunciati che si sono ripercorsi per tutto il 2015: a luglio, ad esempio, ha dichiarato di voler investire 1 miliardo di dollari nei prossimi tre anni nel suo ramo dedicato al cloud computing, Aliyun, e di voler sfidare la corrispettiva divisione di Amazon, aprendo una guerra aperta globale tra i due colossi.

Inoltre a giugno ha anche lanciato la sua banca digitale “MYBank”, con l’intenzione di fornire servizi a piccoli clienti e alle micro-imprese: si tratta di una banca completamente digitale, che non possiede filiali fisiche e che è in funzione tutti i giorni a tutte le ore. I suoi servizi sono pensati per piccoli soggetti che possono ritrovarsi in difficoltà o per le PMI che hanno intenzione di entrare nel mercato ma che non riescono ancora ad investire a sufficienza per farlo.

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This