Interviste

Servizi veloci e semplici da usare, ecco il futuro del #mobilepayment: intervista a Gianluca Bosisio

Gianluca_Bosisio
Gianluca_Bosisio

è Direttore generale di Banca Mediolanum.

La centralità degli utenti, quali attori attivi del processo di relazione con i brand, è oggi un fattore fondamentale per elaborare strategie di business per qualsivoglia industry. Lo è ancora di più se pensiamo all’impatto del digitale e del mobile nella relazione tra utenti e istituti bancari: secondo dati Nielsen contenuti nel Report eFinance, gli italiani sono sempre più abituati a fare da sé alcune attività legate alle loro finanze: sono 9,9 milioni le persone che sono entrate nelle aree web riservate ai clienti nel solo mese di giugno 2015. Di questi, 2,9 milioni hanno fruito dei servizi informativi e dispositivi tramite mobile. Il trend è chiarissimo: nel corso degli ultimi 12 mesi Il numero di tali utenti è aumentato di circa l’80% e anche Censis, recentemente, ha certificato un’attenzione crescente degli italiani verso l’home banking con il 46,2% degli italiani che la identifica come una delle principali azioni che compiono online.

Un tempo, quando il nostro fondatore previde che ci sarebbe stata questa doppia grande rivoluzione, delle persone al centro delle relazioni con la banca, e l’idea che sarebbe stata supportata dalle tecnologie, fu preso come come visionario” ci spiega Gianluca Bosisio, Direttore generale di Banca Mediolanum, intervistato recentemente da TechEconomy in occasione del lancio del nuovo bouquet di servizi del . “Ma oggi tutte le grandi hanno compreso che l’unica strategia vincente, specialmente con l’avvento del digitale, è quella di dare la possibilità ai clienti di interagire con la propria banca dove, come e quando essi lo desiderino, con servizi fruibili in mobilità” Ciò vuol dire, come già ribadito dall’AD di Banca Mediolanum Massimo Doris, che senza innovazione che guardi al mobile e alla personalizzazione del rapporto col cliente, per le banche non si prospettano tempi facili. Anche perché nel frattempo anche colossi web e high tech sono entrati a gamba tesa nella partita del mobile payment non solo creando device sempre più all’avanguardia ma anche scommettendo su sistemi di pagamento veri e propri che stanno accelerando la diffusione delle nuove modalità di pagamento presso larghissime fette di popolazione. Lo fa Apple con Apple Pay e lo fa anche Google con Android Pay.

Di certo chi, nell’ecosistema bancario, è partito prima degli altri, gode oggi di significativi vantaggi: “Banca Mediolanum è forse una delle banche più digitalizzate non avendo filiali fisiche e i suoi clienti utilizzano e apprezzano da tempo il nostro investimento di servizi e risorse sul digitale. Senza dimenticare il fondamentale apporto che garantiscono i nostri Family Banker: la loro attività di consulenza specializzata è fondamentale perché non tutto può, e non deve, essere delegato a una relazione che non preveda l’aiuto di una persona in carne e ossa.”

Il che porta a due considerazioni strategiche per il futuro per chi è chiamato a progettare ed erogare servizi bancari smart.

Il primo aspetto è che chi ha tempo non aspetti tempo: “Le banche del futuro, ma il discorso vale per tutte le imprese, non potranno smettere di investire in tutto quello che per il cliente ha valore. Oggi a mio modo di vedere ciò che il cliente chiede è il “subito”. L’innovazione è veloce, è un dato di fatto, e oggi una banca che ponga attenzione alle esigenze delle persone non può arrivare “tardi” né sulle tecnologie né sui servizi basati sulle tecnologie perché quando il cliente cerca qualcosa, quel qualcosa deve essere subito a disposizione.”

Il secondo aspetto è che si torni alla semplicità: “C’è bisogno di ritornare a pensare sistemi e servizi facili uscendo dalla logica e da modelli d’innovazione superati: all’inizio si tendeva a scegliere tecnologie sofisticate pensate soprattutto per gli amanti delle tecnologie. Oggi ci si sta spostando sul concetto che la tecnologia deve essere un abilitatore, un facilitatore, non un ostacolo all’accesso.”

In sostanza la tecnologia deve diventare sempre più trasparente per gli utenti: svolgere un’operazione bancaria dall’app di un telefonino deve poter essere un’attività da fare con naturalezza. E’ questo che chiedono gli utenti, è questo che realizza, ad esempio, la nuova funzione di riconoscimento dell’impronta digitale del Mediolanum Wallet: “un modo per facilitare la vita quotidiana.”

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This